Grossista alimentare in nero: 575 mila euro non dichiarati

La Guardia di Finanza ha eseguito un decreto di sequestro da 225 mila euro nei confronti di un imprenditore vicentino

La Guardia di Finanza di Vicenza ha scoperto che un imprenditore operante nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari risultava essere evasore totale negli anni 2015, 2016 e 2017.

La ditta individuale, la D e C Distribuzioni, controllata dall’imprenditore Davide Collalto, 32 anni, nato ad Arzignano ma residente a Vicenza, in viale San Lazzaro, apparentemente inattiva, aveva, in realtà, omesso di dichiarare, nel triennio 2015-2017, ricavi ammontanti ad oltre  575000 euro ed IVA per oltre 50000 euro. Alla luce di tali evidenze, i militari operanti hanno ricostruito l’IRES evasa nel triennio oggetto del controllo, quantificabile in un valore pari ad oltre 84000 euro nel 2015, 81000euro nel 2016 e 59000 euro nel 2017. Pertanto, avuto riguardo alle soglie di punibilità previste in caso di omissione della dichiarazione ai sensi dell’art. 5 del D. Lgs 74/2000, l’imprenditore verificato è stato segnalato alla locale Procura della Repubblica con contestuale richiesta di emissione di un decreto di sequestro per un valore di  225820,90 euro, pari all’importo dell’IRES complessivamente evasa.

Auto di lusso

Il tribunale ha dunque sequestrato tutti i beni materiali rinvenuti dell’imprenditore e i soldi sui conti, fino a raggiungere la cifra evasa: un’Audi TT coupè “quattro” TFSI2.0 del valore di euro 50000. L’autovettura sportiva di pregio, ai sensi dell’art. 18-bis del D.lgs. 74/2000, potrà essere affidata dall’Autorità Giudiziaria in custodia alla Guardia di Finanza di Vicenza. La citata disposizione normativa, introdotta dal Legislatore nel 2015, prevede infatti che gli autoveicoli sequestrati nell’ambito dei procedimenti penali relativi ai delitti tributari possano essere concessi in giudiziale custodia agli organi dell’Amministrazione Finanziaria che ne facciano richiesta. Il veicolo, in questo modo, potrà essere utilizzato proficuamente per le esigenze operative del Corpo nei servizi d’Istituto, eliminando anche i costi di giudiziale custodia dell’autovettura in capo all’Amministrazione.

(Ph. Guardia di Finanza di Vicenza)

Tags: ,