Scippa turista cinese: scattano daspo e manette

La presenza di turisti a Verona è ancora consistente e per questo motivo i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia cittadina hanno organizzato un servizio antiborseggio. Nel tardo pomeriggio di ieri, i militari hanno individuato una 20enne bulgara, già nota alle Forze di Polizia, che si muoveva con fare sospetto tra le persone che affollavano il centro storico.

La ragazza aveva preso a seguire un gruppo di turisti cinesi e quando questi sono entrati nel negozio “Venchi cioccolato e gelato” di via Cappello lei ha fatto la stessa cosa, senza però accorgersi di essere osservata da un paio di Carabinieri in borghese. La straniera ha infilato la mano nel borsello che un uomo portava in spalla, ma non ha fatto in tempo ad estrarre alcunché in quanto un Maresciallo l’ha subito bloccata ed arrestata.

Dopo una notte in guardina, la bulgara è comparsa davanti al Giudice che ne ha convalidato l’arresto, condannandola alla pena di otto mesi di reclusione. Le grane per la manolesta non sono finite qui. Infatti, i Carabinieri hanno sollecitato l’adozione nei suoi confronti del “divieto di ritorno” che le è stato notificato subito dopo il Processo. La donna non potrà più fare ritorno a Verona per i prossimi tre anni.

Tags: ,