AAA cercasi camera in affitto: caro-prezzi record a Padova

L’aumento medio è del 3% nel 2019, il prezzo medio è di 328 euro al mese. A rilevare il trend è l’Ufficio studi di Idealista, la piattaforma di annunci del mercato immobiliare

Cresce la domanda delle stanze in affitto, specialmente nelle città universitarie o a forte presenza di studenti o lavoratori fuori sede, e i prezzi lievitano in Italia. L’aumento medio è del 3% nel 2019, il prezzo medio è di 328 euro al mese.

Le piazze più gettonate sono le città universitarie, Padova spicca al primo posto con un rincaro del 18,6% e un prezzo medio di 307 euro mentre Milano è la città più cara, qui occorrono di media 465 euro al mese per una stanza. A rilevare il trend è l’Ufficio studi di Idealista, la piattaforma di annunci del mercato immobiliare, che ha condotto un’indagine per l’Adnkronos nell’imminenza dell’apertura dell’anno accademico negli  atenei italiani.

La notizia positiva però è che se aumentano i prezzi e la domanda di camere in affitto dall’altro canto sale anche l’offerta, anche se in misura minore, registrando in media un +28%.

Le più care

Dopo Milano, segue Roma con 408 euro, mentre a Firenze si toccano i 393 euro. Sopra la media nazionale delle richieste, pari a 328 euro mensili, si colloca anche Bologna (371 euro), mentre Torino rimane appena sotto la media con 319 euro mensili. Tra gli aumenti più alti l’indagine rileva quelli di Bologna (+8,7%) e Trieste (+13,3%). Segni positivi interessano anche i capoluoghi più importanti, come Roma (2,1%), Milano (3,1%), Napoli (3,5%) e Firenze (4,5%), che resistono in terreno positivo consolidandosi tra i top valori nella graduatoria dei canoni di affitto stanze.

Essere coinquilini

Lo studio rivela che il 77% delle convivenze sono miste (uomini e donne); la coabitazione tra sole donne ricorre nel 17% dei casi; convivenze solo maschili, solo nel 5% dei casi. Ancora una curiosità
sui coinquilini riguarda la presenza di animali domestici dentro casa, ammessi nel 71% dei casi. Decisamente meno graditi invece i fumatori, tollerati solo in un alloggio su due.

L’indagine online rivela che solo 1 inquilino su 2 si dice soddisfattodell’abitazione in cui vive in condivisione. Tra i criteri di scelta della stanza il prezzo è il fattore “guida” per l’81% degli utenti,
seguito dalla vicinanza ai mezzi di trasporto pubblico, ritenuta “molto importante” o “indispensabile” per il 79% dei rispondenti, e coinquilino giusto (69% delle risposte). Altre caratteristiche che
motivano la scelta dell’alloggio sono lo stato dell’abitazion (arredata, ristrutturata, etc.) con il 63% delle preferenze e la vicinanza al centro (56,7%).Gli utenti sarebbero più soddisfatti se le bollette
fossero incluse nel prezzo (39% dei rispondenti), se la casa fosse dotata di mobili e elettrodomestici in buono stato (29%), con il bagno indipendente (10% delle risposte degli utenti).