Referendum Venezia-Mestre, Cacciari come Brugnaro: «Astenetevi»

Dopo l’attuale sindaco di Venezia Luigi Brugnaro anche l’ex primo cittadino Massimo Cacciari interviene duramente contro il referendum sulla separazione amministrativa tra Venezia e Mestre, che la Regione Veneto ha fissato per il 1 dicembre.

In un’intervista a La Nuova Venezia Cacciari spiega che la separazione raddoppierebbe il numero di consiglieri comunali e quindi i costi. «È farsesco che per la quinta volta questi quattro gatti ci costringano ad andare di nuovo a votare, sempre per la stessa cosa» tuona il filosofo veneziano, che aggiunge: «I cittadini se ne stiano a casa». (t.d.b.)

(Ph. Imagoeconomica)