Casa disabitata trasformata in laboratorio della droga

Arrestato un 24enne nigeriano, già noto alle forze dell’ordine. Si introduceva abusivamente nell’abitazione scavalcando il cancello

Nella mattinata di ieri, intorno alle ore 10.30, la Sala Operativa di Treviso ha ricevuto la chiamata da parte di un cittadino che segnalava un soggetto che, ormai da diversi giorni, era solito scavalcare il muro di cinta di un’abitazione privata disabitata, sita in zona Ghirada, e di trattenersi per diverso tempo. Giunti sul posto, i poliziotti hanno trovato, all’interno di un box di legno ricavato al fianco dell’abitazione, un improvvisato laboratorio artigianale finalizzato al taglio ed alla preparazione di dosi di sostanza stupefacente, tra cui diversi bilancini, varie sostanze da taglio e alcuni involucri di cellophane che, presumibilmente, contenevano dosi di cocaina.

Durante il sopralluogo è giunto improvvisamente un giovane che, dopo aver scavalcato la recinzione, ha fatto ingresso nell’abitazione, notando solo in un secondo momento i poliziotti. Sorpreso da ciò, immediatamente si è dato alla fuga, cercando di far perdere le proprie tracce in Vicolo San Zeno; raggiunto dopo pochi metri da un poliziotto, ha iniziato a spintonare, colpire con diversi pugni e calciare l’agente, riuscendo temporaneamente a liberarsi. Grazie anche all’ausilio degli altri poliziotti giunti sul posto, tuttavia, il giovane è stato raggiunto in Via Zaniol, dove, dopo una violenta colluttazione, i poliziotti sono riusciti a bloccarlo.

Privo di documenti, è stato accompagnato in Questura dove, in primo luogo, sono stati controllati i suoi effetti personali. All’interno del suo zaino sono state rinvenute 97 dosi di cocaina già pronte per lo smercio e 3 ovuli interi di cocaina pura, per un totale di quasi 100 grammi; inoltre, sono stati ritrovati e sequestrati quasi 3000 euro in banconote di vario taglio, sicuramente derivanti dalla sua attività di spaccio. Il giovane, già conosciuto per precedenti specifici alla Polizia, è stato successivamente identificato per O.K., nigeriano di 24 anni, ed arrestato per i reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Lo stesso, al termine delle attività di rito, su disposizione del Pubblico Ministero, è stato tradotto in carcere e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Tags: ,