Misure antismog, torna il blocco auto in Veneto

Anche nella stagione invernale 2019/2020, tornano le misure per contenere l’inquinamento atmosferico e ridurre le concentrazioni di PM10 nel territorio. Le misure sono previste dall’accordo interregionale del Bacino padano e condivise con i Comuni capoluogo del Veneto. Il periodo di validità sarà dal 1 ottobre 2019 al 31 marzo 2020. Le limitazioni sono in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30.

I provvedimenti sono strutturati su tre livelli (verde, arancio e rosso) che si applicano in base alla comunicazione di Arpav in merito ai dati di concentrazione di PM10. La comunicazione di Arpav viene trasmessa, al Comune, ogni lunedì e giovedì (giorni di controllo) e fa riferimento ai giorni antecedenti. Al raggiungimento del livello di allerta (arancio o rosso) si attiveranno le misure temporanee il giorno successivo a quello di controllo (il martedì e venerdì) e resteranno in vigore fino al giorno di controllo successivo.

I LIVELLI

Livello nessuna allerta – colore verde 
a) autoveicoli alimentati a benzina EURO 0 e EURO 1;
b) autoveicoli alimentati a gasolio EURO 0, EURO 1, EURO 2 e EURO 3;
c) i veicoli (ciclomotori e motoveicoli due, tre, quattro ruote) a due tempi EURO 1 e successive ed il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato in data antecedente al 1° gennaio 2000.

Livello di allerta 1 – colore arancio (dopo 4 gg. consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
a) autoveicoli alimentati a benzina EURO 0 e EURO 1;
b) autoveicoli alimentati a gasolio EURO 0, EURO 1, EURO 2 e EURO 3;
c) autovetture alimentati a gasolio EURO 4;
d) i veicoli (ciclomotori e motoveicoli due, tre, quattro ruote) a due tempi EURO 1 e successive e il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato in data antecedente al 1° gennaio 2000.

Livello di allerta 2 – colore rosso (dopo 10 giorni consecutivi di superamento del valore di 50 µg/m3 di PM10)
a) autoveicoli alimentati a benzina EURO 0 e EURO 1;
b) autoveicoli alimentati a gasolio EURO 0, EURO 1, EURO 2 e EURO 3;
c) autovetture alimentate a gasolio EURO 4;
d) limitatamente dalle ore 8:30 alle ore 12:30 veicoli (destinati al trasporto merci/ex promiscuo) di categoria N1, N2 e N3 alimentati a gasolio e omologati ai sensi delle direttive rispondenti alla dicitura EURO 4;
e) i veicoli (ciclomotori e motoveicoli due, tre, quattro ruote) a due tempi, non omologati ai sensi della direttiva rispondente alla dicitura EURO 1 e successive ed il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato in data antecedente al 1° gennaio 2000.

BELLUNO

Invariata la zona interessata dall’ordinanza, così come i “corridoi di libera circolazione”, che consentiranno agli automobilisti del capoluogo e da fuori comune di attraversare la città e di raggiungere i parcheggi pubblici senza infrangere i divieti. Sono previste diverse deroghe per tipo di veicolo, di utilizzatore, per scopo del viaggio e per diversi altri aspetti. Tra le novità di quest’anno, la deroga per i veicoli che trasportano bambini e ragazzi agli istituti scolastici (dalla scuola dell’infanzia a quella secondaria di primo grado) mezz’ora prima e dopo l’apertura; è stata poi abbassata l’età per la deroga di anzianità, da 75 a 70 anni, e non saranno soggetti a limitazioni gli automobilisti in possesso di certificazione ISEE pari o inferiore a 9360 euro, con utilizzo di auto di potenza pari o inferiore agli 80 KW. Confermata solo per il traffico veicolare anche la finestra natalizia, dal 16 dicembre al 6 gennaio 2020 (inclusi), nella quale non saranno in vigore nemmeno le limitazioni previste dall’allerta verde. Per tutte le altre deroghe, la planimetria dei corridoi e il modulo per le deroghe si rimanda al sito del Comune. Tra i documenti disponibili, anche una scheda che aiuta a identificare la categoria Euro del proprio veicolo.

PADOVA

Le limitazioni riguardano tutto il territorio comunale, tranne le vie sotto indicate:
comparto viario della Zona Industriale;
anello delle tangenziali costituito dalle vie:
– via Po (tratto compreso tra il confine con il Comune di Limena e c.so Australia),
– c.so Australia,
– c.so Boston, comprese le arterie di collegamento con i Comuni di Selvazzano Dentro ed Abano Terme,
– tangenziale sud,
– c.so 1° Maggio,
– c.so Esperanto,
– c.so Kennedy,
– c.so Argentina,
– ponte Darwing,
– c.so Irlanda,
– via Boves,
– c.so 13 Giugno;
via San Marco (tratto compreso tra c.so Argentina e via Friburgo),
– v.le delle Grazie,
– raccordo Gandhi,
– raccordo Ezio Franceschini,
– via Friburgo,
– via del Plebiscito,
– via Luigi Einaudi,
– c.so Stati Uniti (tratto compreso tra c.so Argentina ed il casello autostradale di PD Z.I.),
– via Chiesanuova,
– via dei Colli,
– via Bembo (tratto compreso tra corso Primo Maggio ed il confine del territorio comunale),
– via G.B. Ricci,
– via C. Goldoni (tratto compreso tra via del Pescarotto ed il passo carraio della fiera),
– via F. Rismondo (tratto compreso tra via Ricci e l’accesso al parcheggio interrato del padiglione 7 della fiera), – via Avanzo (tratto compreso tra via Del Plebiscito ed il ponte Unità d’italia),
– ponte Unità d’Italia,
– via Guizza (tratto compreso tra il confine del territorio comunale e l’ingresso al parcheggio scambiatore),
– via Pontevigodarzere (tratto compreso tra via Del Plebiscito ed il confine comunale),
– via Rocco,
– via Coppi.
Possono circolare i veicoli con motore elettrico o ibrido, veicoli alimentati a Gpl o gas metano e veicoli alimentati a benzina o a gasolio trasformati a Gpl o gas metano.

ROVIGO

Esenzione dal divieto di circolazione delle seguenti categorie di veicoli a motore:
a) veicoli provvisti di motori elettrici o ibridi (motore termico/elettrico)
b) veicoli alimentati a benzina dotati di impianti omologati per il funzionamento anche a gpl o gas metano, purché utilizzino per la circolazione rigorosamente gpl o gas metano, o veicoli dotati di impianti omologati, alimentati a gasolio – gpl o a gasolio – gas metano;
c) autobus adibiti al servizio pubblico di linea e turistici, scuolabus, taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente;
d) veicoli di trasporto di pasti confezionati per le mense e pasti per comunità;
e) veicoli al servizio di portatori di handicap muniti di contrassegno di cui all’art. 12 del D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503; veicoli per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica rilasciata dagli Enti competenti; veicoli delle persone che prestano assistenza a ricoverati presso luoghi di cura o servizi residenziali, per autosufficienti e non, o a persone nel relativo domicilio, limitatamente all’assolvimento delle funzioni di assistenza, muniti di titolo autorizzatorio;
f) veicoli adibiti a compiti di soccorso, compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente, muniti di apposito contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;
g) veicoli che trasportano farmaci, prodotti per uso medico e di consumo sanitario;
h) veicoli con targa estera purché i conducenti siano residenti e domiciliati all’estero;
i) veicoli di servizio e nell’ambito dei compiti d’istituto delle Pubbliche Amministrazioni, compresa la Magistratura, dei Corpi e servizi di Polizia Locale e Provinciale, delle Forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate e degli altri Corpi armati dello Stato, del Corpo diplomatico aventi targa CD, del Corpo Consolare aventi targa CC, della Protezione civile, della Croce Rossa Italiana;
j) veicoli appartenenti a enti pubblici o enti privati, utilizzati per svolgere funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità, individuabili con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro;
k) veicoli di operatori commerciali nei mercati settimanali scoperti, del mercato all’ingrosso e di rifornimento degli esercizi di vendita al dettaglio di prodotti deperibili (ortofrutticoli, ittici, floricoli, caseari, delle carni e della panificazione) o, comunque di coloro che operano in virtù di un’autorizzazione al commercio su area pubblica comunale limitatamente al percorso strettamente necessario;
l) veicoli appartenenti alle categorie “L2” (ciclomotore tre ruote) e “L5” (triciclo) riferite al trasporto merci;
m) tutti i veicoli appartenenti ed alla categoria “N” (di cui all’art. 47 comma 2 lettera c del C.d.S. classificati come speciali o ad uso specifico di cui all’art. 203 del DPR 495/1992);
n) veicoli che debbono recarsi alla revisione obbligatoria (con documenti dell’ufficio del Dipartimento di Trasporti Terrestri o dei Centri di Revisione Autorizzati) limitatamente al percorso strettamente necessario;
o) veicoli degli istituti di vigilanza privata compresi i portavalori;
p) veicoli utilizzati da persone che non possono recarsi al lavoro con mezzi pubblici a causa dell’orario di inizio o fine turno o del luogo di lavoro, limitatamente al percorso più breve casa-lavoro, purché muniti di dichiarazione del datore di lavoro attestante la tipologia e l’orario di articolazione dei turni e l’effettiva turnazione o di titolo autorizzatorio del lavoratore controfirmato dal datore di lavoro;
q) veicoli degli ospiti degli alberghi e strutture ricettive simili situati nell’area interdetta, limitatamente al percorso necessario all’andata e al ritorno dagli stessi, il giorno dell’arrivo e della partenza, in possesso della copia della prenotazione;
r) autoveicoli che trasportano almeno 3 persone a bordo se omologati a quattro o più posti oppure con almeno due persone a bordo se omologati a 2 posti (“car-pooling”);
s) autoveicoli e motoveicoli d’epoca e di interesse storico e collezionistico ai sensi dell’art. 60 del C.d.S. (DGRV n. 4117/2007) in occasione delle relative manifestazioni;
t) veicoli utilizzati per il trasporto di persone che partecipano a cerimonie nuziali o funebri e veicoli al seguito;
u) veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW, di conducenti muniti di copia attestazione ISEE, in corso di validità, pari o inferiore a 9.360,00 €, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio);
v) veicoli (N1, N2, N3) omologati ai sensi delle direttive rispondenti alla dicitura Euro 3 relativamente al carico e scarico delle merci su tutto il territorio comunale nella fascia oraria dalle 8:30 alle 10:30 e dalle 14:00 alle 17:00, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio);
w) veicoli (N1, N2, N3), alimentati a gasolio ed omologati ai sensi delle direttive rispondenti alla dicitura Euro 4, solo per operazioni di carico/scarico nella fascia oraria 8.30 – 10.30, limitatamente ai periodi di livello allerta 2 (colore rosso);
x) veicoli (N1, N2, N3) afferenti ad attività cantieristica edile o su strada (inclusi anche gli interventi di manutenzione degli impianti elettrici, idraulici, termici, della sicurezza e tecnologici in genere presso abitazioni e attività industriali-artigianali-commerciali) con attestazione rilasciata dal datore di lavoro o autocertificazione indicante la sede e la durata temporale del cantiere, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 10:30 e dalle 14:00 alle 17:00, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio);
y) veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW, di proprietà di conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età da attestare mediante esibizione di documento di identità, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio);
z) veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del D. Lgs 285/92;
aa) veicoli dei donatori di sangue, donazione documentabile a posteriori limitatamente al tragitto da casa al centro trasfusionale e ritorno;
bb) veicoli di sacerdoti e ministri di culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
cc) veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per sottoporsi a visite mediche, cure ed analisi programmate, nonché per esigenze di urgenza sanitaria da comprovare successivamente con certificato medico rilasciato dal pronto soccorso;
dd) veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri in servizio di reperibilità, nonché i veicoli di associazioni e imprese che svolgono servizio di assistenza sanitaria e/o sociale;
ee) veicoli utilizzati per particolari attività urgenti e non programmabili, per assicurare servizi manutentivi di emergenza, nella fase di intervento;
ff) veicoli per il trasporto dei bambini e dei ragazzi da/per asili nido, scuole dell’infanzia (asilo), scuole primarie (elementari), scuole secondarie di primo grado (medie), limitatamente alla mezz’ora prima e dopo l’orario di inizio e fine delle lezioni o di altre attività organizzate in orario extrascolastico dagli istituti di appartenenza;
gg) veicoli delle società sportive per il trasporto collettivo degli atleti in occasione delle manifestazioni sportive, muniti di chiara identificazione della società;

TREVISO

E’ stata prevista inoltre una serie di deroghe per facilitare l’utenza e le attività produttive e commerciali: in primo luogo, potranno circolare i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw di conducenti muniti di copia dell’attestazione ISEE pari o inferiore a 9.360 € limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio). Non saranno sottoposti ad alcun divieto i veicoli elettrici o ibridi, i veicoli a benzina con impianti a gpl o gas metano purché utilizzino questi ultimi due tipi di alimentazione, gli autobus adibiti al servizio pubblico di linea, i bus turistici, gli scuolabus, taxi e autovetture in servizio di noleggio con conducente, i veicoli di trasporto dei pasti per le mense, i veicoli a servizio dei portatori di handicap muniti di contrassegno, veicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, i veicoli di soccorso (compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente), i veicoli per il trasporto di farmaci, vetture con targa estera purché i conducenti siano residenti all’estero, i veicoli di servizio e nell’ambito dei compiti d’istituto delle Pubbliche Amministrazioni e delle Forze dell’Ordine, veicoli che devono recarsi alla revisione obbligatoria, veicoli degli ospiti degli alberghi e delle strutture ricettive, veicoli che trasportano almeno tre persone a bordo se omologati a quattro o più posti o con almeno due persone a bordo se omologati a due posti (car pooling), macchine agricole, autoveicoli di interesse storico e artistico in occasione delle relative manifestazioni, i veicoli dei commercianti ambulanti che operano negli spazi inseriti nel piano del Commercio, i veicoli degli operatori del commercio all’ingrosso, i ciclomotori a tre ruote e i tricicli riferiti al trasporto merci, i veicoli degli istituti di vigilanza, i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw (limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (VERDE) e livello di allerta 1 (ARANCIO). Potranno circolare i veicoli di categoria N, EURO 3 (destinati al trasporto delle merci), con idonea documentazione, relativamente al carico e scarico nella fascia oraria dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17 limitatamente ai periodi di livello di nessuna allerta (VERDE) e allerta 1 (ARANCIO); i veicoli di categoria N EURO 4, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 12.30 per le operazioni di carico e scarico limitatamente ai periodi di allerta 2 (ROSSO). I veicoli di categoria N2 (aventi massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 12 t) e N3 (aventi massa massima superiore a 12 t) afferenti alle attività cantieristiche edili o su strada con attestazione rilasciata dal datore di lavoro o l’autocertificazione indicante la sede e la durata temporale del cantiere potranno circolare nella fascia oraria dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17.30, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (VERDE) e allerta 1 (ARANCIO). Saranno esentate le persone che non possono recarsi al lavoro con mezzi pubblici a causa dell’orario di inizio o di fine turno o del luogo di lavoro, limitatamente al percorso più breve casa lavoro (con dichiarazione del datore di lavoro) e i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kw di proprietà di conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età. Potranno circolare in deroga con apposito TITOLO AUTORIZZATORIO – autocertificazione (scaricabile dall’apposita sezione del sito del comune di Treviso) che dovrà contenere gli estremi del veicolo, le indicazioni dell’orario, del luogo di partenza e di destinazione – veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per visite mediche, cure e analisi programmate; veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri; veicoli per il trasporto dei bambini e dei ragazzi per asili nido, scuole dell’infanzia, scuole secondarie di primo grado, limitatamente alla mezz’ora antecedente e successiva all’inizio e alla fine delle lezioni; veicoli di società sportive.

PERCORSI AUTORIZZATI

Al fine di facilitare l’utenza sono stati autorizzati i percorsi lungo la tangenziale Sud, nel tratto della S.R.53 ricadente entro i confini comunali; lungo il percorso tra l’uscita della strada tangenziale sud (S.R. 53) su Strada Terraglio per raggiungere il cavalcaferrovia della stazione dei treni e al ritorno eseguendo l’inversione di marcia utilizzando le bretelle laterali alla base dello stesso cavalcaferrovia; si potrà inoltre circolare nel percorso tra l’uscita della strada tangenziale sud (S.R. 53) su via Cittadella della Salute per raggiungere l’ospedale Ca’ Foncello e i parcheggi a servizio dello stesso. Sarà inoltre possibile raggiungere l’area “scalo Motta” per i veicoli adibiti alle operazioni di carico e scarico intermodale “strada-ferrovia”, dalla rotonda della tangenziale (S.R.53) uscita “via Antonio Borin”, percorrendo via Callalta, via Leonardo Da Vinci, via Umberto Sabata, via Bivio Motta e viceversa mentre da via Bivio Motta, percorrendo via Giacomo Zanella, viale Brigata Marche e via Bibano in direzione del comune di Carbonera.

VERONA

Novità di quest’anno la finestra di sospensione del provvedimento, dal 16 dicembre al 6 gennaio compresi, durante quindi il periodo natalizio, quando le scuole sono chiuse e il servizio di trasporto pubblico ridotto. L’ordinanza, poi, rimarrà in vigore fino al 31 marzo 2020. Anche alcune delle deroghe vengono introdotte quest’anno per la prima volta. Tra queste la possibilità di circolazione per tutti i veicoli bifuel, ossia con impianti gpl o metano, alimentati sia a benzina che a diesel. Allo stesso modo potranno viaggiare coloro che hanno più di 70 anni o un isee inferiore a 16.631,71 euro se alla guida di veicoli con potenza minore o uguale a 80 kw. Non sarà più sufficiente quindi avere una certa età o reddito, ma a fare la differenza sarà il tipo di vettura utilizzata. Altra novità il permesso di transito lungo il percorso casa-scuola per il trasporto di bambini e ragazzi, limitatamente alla mezzora prima dell’inizio e della fine delle lezioni. Importante sarà tenere in auto un’autodichiarazione, che indichi isee o orario della scuola. Per i mezzi che devono effettuare il carico-scarico delle merci e per quelli che effettuano attività di cantiere edile o su strada sono proviste due finestre di circolazione: dalle 8.30 alle 11 e dalle 15 alle 17.30. Sul sito del Comune è pubblicata l’ordinanza con tutte le informazioni e le altre deroghe previste per quest’anno. Sono disponibili, inoltre, il numero verde 800202525 e l’indirizzo e-mail per ulteriori chiarimenti. Si ricorda che potranno sempre circolare le auto a metano, gpl, elettriche, ibride e quelle a benzina sopra euro 2; anche per il car-pooling, ossia 3 persone a bordo per le macchine più grandi e 2 per le biposto, non ci saranno limitazioni.

VICENZA

E’ vietata la sosta con il motore acceso per tutti i veicoli:
– autobus, compresi quelli di linea, in genere nella fase di stazionamento ed anche ai capolinea, indipendentemente dal protrarsi del tempo dello stazionamento e dalla presenza a bordo del conducente o di passeggeri (la partenza del veicolo deve essere immediatamente successiva all’accensione del motore);
– autoveicoli in sosta e veicoli merci, anche durante le fasi di carico/scarico, in particolare nelle zone abitate;
– autoveicoli per arresto della circolazione di durata maggiore di un minuto, in corrispondenza di particolari impianti semaforici e di passaggi a livello.
Veicoli che possono sempre circolare indipendentemente dal livello di inquinamento dell’aria (quindi anche con livello arancione e rosso):
– i veicoli a emissione zero o ibridi purché funzionanti a motore elettrico;
– i veicoli alimentati a benzina classificati Euro 0 ed Euro1 dotati di impianti omologati per il funzionamento a GPL o a gas metano purché utilizzino per la circolazione dinamica esclusivamente GPL o gas metano;
– i veicoli alimentati a diesel, classificati Euro 3 e Euro 4, dotati di impianti omologati che consentono il funzionamento del veicolo con l’utilizzo, addizionale o esclusivo (es. dualfuel, bifuel, monofuel), con carburanti alternativi quali il GPL o metano;
– ciclomotori a due tempi, il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato dall’1 gennaio 2000 o conformi alla Direttiva Europea 97/24/CE, cap. 5;
– motoveicoli a due tempi, immatricolati dall’1 gennaio 2000 o conformi alla Direttiva Europea 97/24/CE, cap.5;
ciclomotori e motoveicoli a quattro tempi;
– i veicoli speciali definiti dall’art. 54, lett. punto f), g) e n) del Codice della strada (autoveicoli per trasporti specifici, autoveicoli per uso speciale e mezzi d’opera);
– veicoli con targa AFI;
– autoveicoli dei corpi e dei servizi di polizia stradale e altri autoveicoli con targa non civile o di copertura (non possono circolare i veicoli utilizzati da cittadini statunitensi anche se muniti di targa civile di copertura in sostituzione di quella AFI);
– veicoli adibiti a compiti di soccorso, compresi quelli dei medici in servizio, muniti di apposito contrassegno distintivo; i veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri o case di cura in servizio di reperibilità, nonché i veicoli di associazioni o imprese che svolgono assistenza sanitaria e/o sociale, i veicoli dei veterinari in visita domiciliare urgente, muniti di apposito contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;
– autobus adibiti al servizio pubblico ed al servizio di enti, aziende, comunità e scuole. I bus turistici con percorso stabilito dal provvedimento che ne regola l’accesso;
– taxi e autovetture a noleggio con conducente;
– veicoli degli enti locali, AIM Gruppo, Viacqua, AIM Vicenza SpA Divisione Aim AMCPS (compresi i veicoli che operano in base a contratti d’appalto con il Comune e le Aziende Speciali e previa esposizione di una nota del Comune o dell’Azienda Speciale stessa), AUlss 8 Berica, Arpav, Poste, Enel, Ipab, istituti di vigilanza privata, i veicoli blindati per trasporto valori (Decreto Ministeriale Trasporti n. 332/98), i mezzi adibiti alla rimozione forzata dei veicoli e al soccorso stradale, al pronto intervento su impianti (ascensori, caldaie, sistemi informatici, ecc), al trasporto di derrate deperibili, farmaci, quotidiani e periodici alle edicole, nonché quelli necessari al funzionamento dei servizi pubblici essenziali (rientranti nell’elencazione di cui all’art. 1, lettera a), b) c)) d) ed e) della legge 12.6.1990), compresi i veicoli al servizio dei mezzi d’informazione privata, purché individuabili da scritte e simboli applicati alle fiancate della carrozzeria del mezzo (con autocertificazione se privi di distintivi);
– Veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie, pubbliche o private, per sottoporsi a visite mediche, cure ed analisi programmate nonché per esigenze di urgenza sanitarie da comprovare successivamente con certificato medico;
– veicoli adibiti al servizio di persone con disabilità (muniti di contrassegno), di soggetti affetti da gravi patologie documentate con certificazione rilasciata dagli enti competenti o autocertificazione, ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi o che sono immunodepresse; delle persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili; cure, analisi e visite mediche; delle persone impegnate nell’assistenza a ricoverati in luoghi di cura, nel proprio domicilio o nei servizi residenziali per autosufficienti e non;
– veicoli per il trasporto dei pasti confezionati per mense e comunità (con autocertificazione o dichiarazione della ditta se privi di distintivi o particolari segni di riconoscimento applicati sulle fiancate della carrozzeria);
– veicoli adibiti a cerimonie nuziali o funebri o altre cerimonie religiose e relativi ed eventuali veicoli al seguito (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli dei sacerdoti e dei ministri di culto di qualsiasi confessione per gli adempimenti del proprio ministero (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli che effettuano il car-pooling, ovvero che trasportino almeno 3 persone a bordo, quale promozione dell’uso collettivo dell’auto e per incentivare l’adozione di piani di mobility management aziendale;
– veicoli al servizio di persone che si devono recare alla stazione ferroviaria o alla stazione della Società Vicentina Trasporti (SVT) o a porti ed aeroporti, per accompagnare o per prelevare passeggeri di treni e/o autobus, compresi coloro che devono utilizzare i mezzi di trasporto ferroviari e/o ferrotranviari (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione o di biglietto e/o abbonamento treni/autobus in orari in cui non sia disponibile un adeguato servizio di trasporto pubblico);
– veicoli che devono recarsi alla revisione obbligatoria, comprovata da documentazione dell’ufficio della Motorizzazione Civile o dei Centri di Revisione autorizzati, per il solo percorso di andata e ritorno (con autocertificazione);
– veicoli degli ospiti degli alberghi, strutture ricettive simili, case d’accoglienza, o dei loro accompagnatori, situati nell’area interdetta, limitatamente al percorso necessario all’andata e al ritorno dall’albergo, dalla struttura ricettiva simile o dalla casa d’accoglienza, con obbligo di esposizione di copia della prenotazione o, in alternativa, provvisti di autocertificazione;
veicoli al servizio degli operatori assegnatari di posteggio nei mercati centrali di piazza dei Signori, aree limitrofe ed ex viale Dalmazia e di quelli rionali posti all’interno dell’area interdetta, limitatamente alle giornate in cui è in vigore la limitazione alla circolazione (con l’invito ad usare i veicoli nella fascia oraria in cui la circolazione è consentita per tutti i veicoli);
– veicoli con targa estera e targhe E.E. i cui proprietari conducenti risiedano nel paese ove il veicolo è immatricolato;
– veicoli d’epoca e di interesse storico e collezionistico così definiti e classificati dal Nuovo Codice della Strada, art. 60 del D.Lgs, n. 285/92, iscritti negli appositi registri tenuti dalle associazioni riconosciute o aderenti alla specifica Federazione Internazionale. I conducenti di detti veicoli dovranno avere idonea documentazione a bordo riferita all’iscrizione o certificazione che comprovi l’appartenenza alle associazioni aderenti alle specifiche Federazioni Internazionali
– veicoli autorizzati alla circolazione di prova, ai sensi del D.P.R. 24/11/2001 n. 474, per esigenze connesse con prove tecniche, sperimentali o costruttive, dimostrazioni o trasferimenti, ovvero per ragioni di vendita o di allestimento, muniti di targa prova;
– veicoli usati per il trasporto dei bambini e dei ragazzi da/per gli asili nido, le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e le scuole secondarie di primo grado, limitatamente al percorso casa-scuola e limitatamente alla mezz’ora dopo e alla mezz’ora prima l’orario di inizio e fine delle lezioni (gli accompagnatori dovranno essere in possesso di autocertificazione, con l’indicazione degli orari di entrata ed uscita dei bambini e dei ragazzi; si consiglia il car pooling);
– veicoli condotti da ultrasessantacinquenni ed il veicolo sia di loro proprietà o di un familiare;
– veicoli in uso ad avvocati, muniti di tesserino di appartenenza all’Ordine, impegnati esclusivamente in difese d’ufficio o di fiducia attinenti a provvedimenti restrittivi della libertà personale e più in generale a provvedimenti urgenti o procedimenti penali con imputati in stato di detenzione (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli delle autoscuole adibiti alle esercitazioni alla guida muniti di apposito contrassegno rilasciato dal Dipartimento Trasporti Terrestri – Ufficio Provinciale di Vicenza (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli utilizzati da direttori e giudici di gare sportive per recarsi al luogo della manifestazione, lungo gli itinerari strettamente necessari per i relativi spostamenti (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli condotti da farmacisti titolari in servizio o da direttori di farmacia, muniti di idoneo documento comprovante la propria attività lavorativa, limitatamente ad un’ora prima e un’ora dopo l’apertura e la chiusura delle attività (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli dei donatori di sangue muniti di appuntamento per la donazione (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli dei professionisti incaricati della sicurezza dei cantieri ai sensi dei D.Lgs. 81/2008, per sopralluoghi di carattere di urgenza (i conducenti dovranno essere provvisti di autocertificazione);
– veicoli commerciali ad alimentazione diesel, classificati Euro 3 e Euro 4, unicamente per attività di carico/scarico merci dalle 8,30 alle 9,30 e dalle 12,30 alle 15,30. (i conducenti dovranno esibire documento di trasporto o consegna merce adeguatamente compilato e datato);
– veicoli di lavoratori turnisti (es. 6-14/14-22, o in ciclo continuo, es. 6-14/14-
22/22-6), residenti o con sede di lavoro nel territorio comunale, limitatamente ai percorsi casa-lavoro sempre e solo a condizione che non ci sia sufficiente copertura del servizio di trasporto pubblico (con autocertificazione o dichiarazione della ditta)
– veicoli del personale della polizia di stato, della guardia di finanza, della polizia locale per il percorso più breve casa-lavoro per raggiungere rispettivamente la questura, la caserma Sasso, il posto di polizia ferroviaria, la caserma della guardia di finanza e il comando di polizia locale di Vicenza (con autocertificazione);
– veicoli condotti da persone con Isee in corso di validità fino a 16.700 euro (con idoneo attestato Isee);
– veicoli utilizzati per attività cantieristica edile o stradale, con attestazione rilasciata dal datore di lavoro o mediante compilazione di autocertificazione indicante la sede e la durata temporale del cantiere, esclusivamente dalle 8,30 alle 11,00 e dalle 15,00 alle 17,30.