Festa dei nonni: queo che i dise sempre

Domani si festeggia la festa dei nonni, istituita nel 2005. Una figura, quella del nonno (e ovviamente della nonna), che ha assunto una rilevanza sociale notevole negli ultimi anni. Senza di loro infatti molte famiglie non avrebbero un aiuto concreto nel conciliare figli e lavoro.

Ma i nonni sono anche i portatori di quella saggezza popolare, tra filastrocche e proverbi, che altrimenti andrebbe perduta e che invece fa parte della cultura e della formazione individuale e collettiva.

Ecco alcune imperdibili frasi e proverbi tipici dei nonni.

In dialetto veneto

A tola e a leto no ghe vole rispetto
Quando si mangia e quando si fa l’amore si possono mettere da parte le formalità

A lavar la testa a l’aseno, se perde lissia e saon
A lavare la testa a un asino si spreca liscìvia e sapone. In senso figurato, non vale la pena sprecare tempo con chi non ragiona

Quel che non ingossa, ingrassa
Un invito a non essere molto schizzinosi a tavola: quello che è commestibile si può mangiare e se non ti strangola ti fa ingrassare

Finché la bassa liga a fassina, quea alta se china
Le ragazze alte fanno più fatica  a svolgere certi lavori, una particolare consolazione delle nonne alle nipoti

El vin fa sangue
Il vino favorisce la circolazione, e anche il buon umore

Par pagar e morir ghe xe sempre tempo
Un invito a non avere troppa fretta di saldare i conti

La rason xe dei mussi
La ragione è degli asini. Un invito a non intestardirsi per imporre le proprie opinioni

Sole de finestra e vento de fesura i te porta driti alla sepoltura
Il consiglio di stare lontani dai raggi del sole filtrati dal vetro, e dagli spifferi

A marso ogni mato va descalso
A marzo l’inverno finisce e le giornate migliorano. Ma non è ancora estate!

A tola no se deventa veci 
A tavola non si invecchia. Quando si sta in compagnia si mangia bene e ci si diverte il tempo sembra non passare mai

Candelora, da l’inverno semo fora, ma se piove e tira vento, da l’inverno semo dentro
Se il 2 febbraio non piove l’inverno è finito

Chi che non te voe non te merita
Un modo per consolare chi è stato lasciato

Infine una breve lista di proverbi classici

Impara l’arte e mettila da parte

Rosso di sera bel tempo si spera

A caval donato non si guarda in bocca

Male non fare, paura non avere

Gallina vecchia fa buon brodo

Chi va piano va sano e va lontano

Se son rose fioriranno

Le vie del Signore sono infinite

La speranza è l’ultima a  morire

 

Tags: