Verona omaggia le vittime ungheresi di ieri e di oggi

Due cerimonie, una per ricordare i caduti della Prima Guerra e l’altra per gli studenti morti nel rogo del pullman

Questa mattina, al cimitero Austro-Ungarico del Saval, cerimonia per ricordare i caduti della Prima Guerra Mondiale. La celebrazione è organizzata dal Consolato Generale Onorario d’Ungheria a Verona. Per l’amministrazione comunale sarà presente l’assessore Marco Padovani.

Il programma prevede alle ore 10.30 il ritrovo delle autorità, tra le quali Adam Kovacs, Ambasciatore d’Ungheria presso il Governo Italiano.Seguirà la deposizione di alcune corone al monumento che ricorda le vittime austroungariche del primo conflitto mondiale e gli inni nazionali.

Alle ore 12 le celebrazioni proseguiranno a San Martino Buon Albergo, al Memoriale che ricorda i 17 ragazzi ungheresi, vittime dell’incidente stradale avvenuto il 20 gennaio 2017, in prossimità dell’uscita del casello di Verona Est. Il monumento, realizzato dall’artista Hervé Lóránt Ervin su incarico del Consolato, si trova al parco Young di Case Nuove. Recentemente è scomparso anche il “prof eroe”, che salvò la vita a diversi studenti ma perdette due figli nel rogo.

(Ph Kozerpec.hu)