Sgommate davanti al Canova: l’ira di Sgarbi (e la rivolta sui social)

Polemica social del critico d’arte, nonché presidente della Fondazione Canova, su un rally davanti alla Chiesa della Santissima Trinità, a Possagno, Treviso

«Ci sono molti posti dove poter scorrazzare con auto da rally, ma, dico io, proprio davanti alla Chiesa della Santissima Trinità del Canova, e per giunta lasciando sull’asfalto quello che vedete? Da presidente della Fondazione Canova mi auguro che chiunque li abbia autorizzati provveda adesso a far ripulire per bene, augurandomi, per il futuro, che non si autorizzino simili gare in questi luoghi di bellezza».

E’ questo il post di Vittorio Sgarbi che, negli ultimi due giorni ha infiammato la polemica sui social, raccogliendo quasi mila like e scatenando oltre 1.300 commenti sotto ad alcune foto che ritraggono la strada che conduce al momunento, a Possagno, nel Trevigiano. Se alcuni danno ragione al critico d’arte, infatti, moltissimi gli hanno ricordato che si trattava di un rally benefico in favore dell’ospedale di Aviano e che i segni di pneumatici si cancellano con qualche ora di pioggia, che, tra l’altro, è abbondantemente caduta nelle scorse ore.