Ricette venete: il dolce di San Martino

Lunedì 11 novembre si festeggia San Martino, celebrazione molto sentita in Veneto, come nel resto della Pianura Padana, a cui si associa un noto modo di dire, fare San Martino, che significa cambiare lavoro o traslocare (in questo periodo infatti i braccianti agricoli cambiavano lavoro o si spostavano non potendo più lavorare i campi), e anche una definizione meteorologica, cioè l’estate di San Martino.

Oltre all’oca e al vino Marzemino, un’altra ricetta tipica del periodo viene da Venezia e provincia. Si tratta del dolce di San Martino, una sorta di biscotto di pasta frolla a forma di cavaliere che si decora con glasse colorate, caramelle e cioccolatini.

Ingredienti

250 grammi di farina 00, 125 grammi di burro, 100 grammi di zucchero a velo, 2 tuorli d’uovo, una scorza di limone grattugiata, sale, 350 grammi di zucchero a velo, 1 albume, 3 cucchiai di succo di limone, cioccolatini incartati nella stagnola, smarties al cioccolato.

Preparazione

Prima bisogna preparare la pasta frolla: amalgamare burro, zucchero a velo, tuorli, limone e sale e impastare velocemente. Lasciar riposare la frolla per un’ora in frigo ricoperta da un panno di cotone. Poi stenderla sulla carta forno in modo che sia più alta possibile, almeno 1 centimetro. Poi creare la forma di cavaliere e cuocerlo nel forno già caldo a 180° per venti minuti.

Preparate la glassa: amalgamare zucchero a velo, albume, limone. Distribuire la glassa con una sacca con foro a stella e decorare il San Martino con smarties e cioccolatini a piacere. Poi lasciare “asciugare” la glassa per circa 12 ore a temperatura ambiente.

(Fonte: Passioneallabusara.it)

(Ph.Mangiarebenevenezia.it)