Assosistema: bene Green New Deal ma serve piano di governance

Roma, 5 nov. (Adnkronos) – “Dal New Deal di Roosevelt al Green New Deal presentato in Legge di Bilancio. Bene lo stanziamento di risorse economiche per progetti orientati alla sostenibilità ambientale. Quello che serve ora è un sistema di governance che orienti le imprese e i consumatori verso scelte di riuso e di riduzione dei rifiuti”. Così il presidente di Assosistema Confindustria Marco Marchetti ha aperto oggi i lavori del convegno ‘Reuse, wash green, no waste’ ad Ecomondo alla Fiera di Rimini.
“Per questo motivo – ha proseguito Marchetti – la plastic tax per un settore come il nostro chiamato a garantire alti standard di qualità igienica risulta solo una tassa aggiuntiva per le imprese senza di fatto prevedere un materiale alternativo che garantisca gli stessi standard di sicurezza. Ad oggi, la plastic tax risulta doppiamente penalizzante, dal testo, infatti, si evince che sarebbero tassati anche gli imballaggi contenenti materiale riciclato. Ciò penalizzerà non solo le imprese ma anche i consumatori finali”.
“La svolta green per il nostro settore – ha concluso Marchetti – parte da provvedimenti normativi che incentivino gli investimenti in sostenibilità, garantendo, al contempo, benefici ambientali a tutta la collettività”.
“Il convegno di Assosistema Confindustria ad Ecomondo rappresenta un’occasione fondamentale per affrontare il tema dei Cam, Criteri Ambientali Minimi e della prevenzione della produzione dei rifiuti da una prospettiva concreta. Al ministero dell’Ambiente in questi giorni stiamo lavorando alla realizzazione di un Cam ad hoc sul servizio di Lavanolo ‘lavaggio e noleggio della biancheria’, che rappresenta per il settore un punto di partenza importante, perché definisce un sistema premiale proprio per quegli attori che migliorano sempre di più i loro standard ambientali alzando la qualità del mercato”, ha detto il sottosegretario all’Ambiente Roberto Morassut.
“Parliamo di due settori economici strategici per l’economia del nostro Paese – ha continuato Morassut – ovvero il turismo e la sanità, ed il confronto continuo tra Istituzioni e operatori ci permette di raggiungere traguardi ambiziosi per le prestazioni del sistema produttivo nazionale e per le sue capacità di competere sullo scenario mondiale”.