Mediobanca, addio Unicredit: Del Vecchio primo azionista

L’operazione da 785 milioni è avvenuta ieri sera, mercoledì. La Delfin diventa primo socio al 7,5%

Unicredit ha concluso nel giro di poche ore, nella serata di ieri, la vendita dell’intera partecipazione che deteneva in Mediobanca, incassando 785 milioni per 74,5 mln di azioni messe sul mercato.

Il prezzo determinato dalle contrattazioni dell’accelerated bookbuilding è stato di 10,53 euro ad azione e incorpora uno sconto
del 2,3% circa rispetto al prezzo di chiusura di Mediobanca pre-annuncio, che è stato ieri di 10,78 euro ad azione.

“L’impatto atteso dell’operazione, che sarà` contabilizzata nel quarto trimestre 2019, è` – spiega una nota – sostanzialmente neutrale sul Cet1 capital ratio del gruppo”. UniCredit si e` avvalsa di Bofa Securities, Morgan Stanley e UniCredit Cib in qualità di Joint Bookrunners.

Con l’uscita dall’azionariato di Gae Aulenti, cambia quindi l’assetto azionario: primo socio diventa la Delfin di Leonardo Del Vecchio recentemente salito al 7,5%, davanti alla Financiére du Parguet (Bollorè) diluitosi al 6,4%.