Meteo, venerdì pioggia. Ma nel weekend torna il bello

Da venerdì fino alle prime ore di sabato l’ingresso di una saccatura da Ovest e successivo passaggio, determineranno condizioni di tempo spiccatamente perturbato con precipitazioni estese, anche abbondanti, accompagnate da un rinforzo della ventilazione dai quadranti meridionali. Nevicate copiose sopra ai 1500 m. Seguiranno condizioni di tempo più stabile salvo un possibile modesto peggioramento nella serata di lunedì. Vediamo nel dettaglio le previsioni di Arpav per i prossimi giorni.

Venerdì 8. Tempo perturbato con cielo molto nuvoloso o coperto; verso sera possibile qualche schiarita a Sud-Ovest. Precipitazioni. Fin dalle prime ore diffuse e persistenti (probabilità alta 75-100%), specie sulle zone centro settentrionali, localmente a carattere di rovescio o temporale; verso sera fenomeni più sparsi e intermittenti sulla pianura meridionale e occidentale. Limite della neve inizialmente sui 1100/1200 m sulle Dolomiti, poi sui 1000/1300 m nel pomeriggio/sera, anche a quote più basse nelle valli dolomitiche più chiuse. Sulle Prealpi sarà sui 1200/1400 m di notte, poi oltre i 1500/1600 m, localmente 1700 m in giornata, prima di calare nuovamente alla sera. Temperature. Valori minimi stazionari o in aumento; massime in calo sui settori centro-settentrionali, stazionarie o in aumento altrove e in alta quota. Venti. In pianura moderati da Nord-Est sulle zone interne, su costa e pianura limitrofa Scirocco moderato/teso in attenuazione in serata. In quota tesi/forti da Sud-Est.

Sabato 9. Iniziali nubi basse/foschie o locali nebbie in pianura e qualche fondovalle in successivo dissolvimento lasceranno spazio a cielo da irregolarmente nuvoloso a sereno o poco nuvoloso nel corso della giornata. Dopo il tramonto possibili nuove riduzioni della visibilità specie sulla pianura meridionale e in qualche fondovalle. Precipitazioni. Residui modesti fenomeni nella notte, specie sui settori orientali in seguito generalmente assenti.
Temperature. Minime in calo; massime in calo sulla costa e in quota, stazionarie o in aumento altrove. Venti. In pianura deboli di direzione variabile. In quota deboli da Nord-Ovest al mattino, poi moderati dai quadranti meridionali.

Domenica 10. Iniziali foschie/nubi basse e locali nebbie in pianura e qualche fondovalle in successivo dissolvimento lasceranno spazio a cielo sereno o poco nuvoloso salvo qualche annuvolamento nel corso del pomeriggio sui rilievi. A fine giornata tendenza ad aumento della nuvolosità a partire da Sud con possibili deboli precipitazioni associate in pianura. Temperature minime in calo, massime stazionarie.

Lunedì 11. In pianura parzialmente nuvoloso con qualche schiarita nella prima parte della giornata, sulle zone montane sereno o poco nuvoloso con tendenza ad aumento della nuvolosità verso sera. Precipitazioni generalmente assenti per buona parte della giornata, dal tardo pomeriggio/sera possibili primi deboli fenomeni a partire da Sud. Temperature minime in aumento, massime stazionarie in pianura, in aumento in montagna. In pianura moderata ventilazione da Est.

(ph: shutterstock)