La protesta: paga allo Stato 1100 euro con monete da 1 centesimo

168 chili: è questo il peso complessivo dei sacchetti di juta usati che contengono monete da 1 centesimo per il valore di 1100 euro. Paolo Erba, sindaco di Malegno, piccolo paese in provincia di Brescia, ha deciso pagare così la restituzione del “Cinque per mille” dei suoi concittadini richiesto da Roma. Tutto questo solo per aver rendicontato la spesa con 20 giorni di ritardo. Il gesto di Erba ha ricevuto la solidarietà di molti.

Il sindaco assicura che la sua è stata solo una provocazione per cercare di far capire al Ministero quanto stia diventando difficile amministrare un piccolo paese lontano dalla città. «Abbiamo una sola ragioniera a part time. Non posso accettare che lo Stato mi punisca così, chiedendomi di rendicontare una spesa che conosce benissimo perché è un dato pubblico che può tranquillamente conoscere in autonomia. Per venti giorni di ritardo devo restituire poco più di mille euro. Se lo Stato vuole questi soldi venga pure in Comune a prenderli. I sacchi con le monetine sono pronti».

Tags: