Baggio: il quadro più grande per beneficenza

Sarà in esposizione dal 16 novembre per un anno a Caldogno. Dal Bello, autore dell’opera: «Il ricavato a favore di un centro di accoglienza nel Veronese»

E’ il quadro in olio su tela più grande raffigurante Roberto Baggio, il “divin codino” di Caldogno, vicecampione mondiale in azzurro nel 1994, già vincitore di scudetti, coppe e trofei e protagonista di tre competizioni mondiali in una lunghissima carriera partita da Vicenza e proseguita in maglia Fiorentina, Juventus, Milan, Bologna, Inter e Brescia. Da sabato 16 novembre sarà esposto, per un anno, in biblioteca a Caldogno. Il quadro, realizzato da Alessandro Dal Bello e Raul Gope al laboratorio Arteside, è in vendita per finanziare il progetto di una casa d’accoglienza per giovani e famiglie in difficoltà in provincia di Verona. L’opera, di metri 2.5 per 1.7, è già stata esposta nel Bellunese e a Verona, in una sorta di rassegna itinerante, e adesso farà tappa nel Vicentino, a Caldogno appunto. «L’ultima probabilmente – precisa Dal Bello che l’ha realizzata – una volta venduta sarà l’acquirente a decidere. Ma comunque dovrà restare un anno esposta a Caldogno come stabilito». Roberto Baggio il quadro, che lo ritrae in maglia azzurra, l’ha visto e apprezzato. «E’ venuto in visita privata in laboratorio, ci ha fatto molto piacere» racconta Dal Bello, che ha istituito il laboratorio artistico Arteside in cui artisti internazionali lavorano insieme per creare opere «che abbiano un senso nel contesto culturale del territorio». L’idea di vendere l’opera raffigurante Roberto Baggio è stata proprio del suo autore, per aiutare l’associazione no profit veronese che sta restaurando una cascina per accogliere giovani e famiglie in difficoltà «dove sono previsti laboratori artistici musicali fattoria didattica e altro» spiega. Da sabato 16 novembre quindi l’opera, che attirerà sicuramente l’attenzione di molti tifosi e appassionati, sarà in vendita per beneficenza.

(ph: Facebook Raul Gope)