Caso Balotelli, blitz antifascista in consiglio: «Voi diffamate Verona»

Una quarantina di manifestanti hanno posizionato sulla balconata della sala uno striscione contro Bacciga e la sua mozione

Ieri, durante la seduta pomeridiana, una quarantina di manifestanti antifascisti sono entrati in consiglio comunale di Verona e hanno esposto sulla balconata della sala uno striscione con scritto “Razzisti, fascisti, i diffamatori siete voi“. All’esterno, invece, un centinaio di attivisti protestavano con fischi e grida soprattutto in direzione del consigliere Andrea Bacciga e la sua mozione in cui chiede di denunciare Balotelli perchè avrebbe diffamato Verona.

«Lo scopo – scrivono i manifestanti su Facebook – era smascherare l’ipocrisia che ha portato alla scrittura della mozione a firma Bacciga, Zelger e altri che difendeva il buon nome della città e della sua amministrazione contro i “diffamatori” di Verona: i fatti sono noti a tutti. Ma chi sta diffamando ormai da anni la città sono proprio loro con le loro azioni discriminatorie. La protesta è stata ferma e decisa, il consiglio comunale è stato interrotto, molti consiglieri hanno abbandonato la sala e sono volate accuse ed offese contro gli attivisti dai banchi della destra, oltre a qualche spintone ad opera delle forze dell’ordine presenti, nella fattispecie una vigilessa. Abbiamo voluto ribadire così che se Verona è stata diffamata gli autori sono proprio gli stessi firmatari della mozione che voleva difenderne il buon nome. La protesta non si fermerà qui».