Treviso, Chef Rubio denunciato per istigazione all’odio razziale

Il noto conduttore televisivo aveva definito i cittadini israeliani «esseri abominevoli»

Chef Rubio è stato denunciato per istigazione all’odio razziale e diffamazione da Ilan Brauner, noto medico legale e figura di spicco della comunità ebraica di Treviso. A finire nel mirino, come riporta il Corriere del Veneto, un tweet del conduttore televisivo che ha da poco divorziato da Discovery Channel, in cui aveva definito i cittadini israeliani «esseri abominevoli».

Chef Rubio si era difeso dalle accuse di essere antisemita così: «Vorrei ricordare che i palestinesi, nonostante voi li consideriate inferiori alle bestie, sono semiti, quindi con me non attacca la storiella dell’antisemitismo solo perché critico la politica vigliacca e persecutoria di Israele. Se lo dice Roberto Saviano che si può criticare Israele, allora perché io non posso dire il vero, ossia che i cecchini sionisti sparano sui bambini per uccidere e invalidare le generazioni future, così da rendere il popolo palestinese dipendente da Israele? Israele non è una democrazia! Se lo Stato di Israele è ebraico non può essere democratico, perché non esiste uguaglianza. Se è democratico, non può essere ebraico, poiché una democrazia non garantisce privilegi sulla base dell’origine etnica. Fine della storia».

Tags: ,