Bandiera veneta vietata allo stadio, questore: «Ho solo applicato la legge»

«Nessun intendo di mortificare la territorialità, non rispondo a nessun partito. Il malumore di alcuni politici mi trova perplesso»

Dopo il gonfalone regalato dal consigliere regionale Fabrizio Boron, il Mattino riporta le parole del questore Paolo Fassari sulla decisione di non far entrare la bandiera del leon dentro lo stadio Euganeo lo scorso 10 novembre.

«Una bandiera simile a quella della Regione è stata tenuta fuori perché lo prevede il regolamento. Nessun intento di mortificare la territorialità che quella bandiera rappresenta. Il questore e la polizia non rispondono a nessun partito politico. Infine – sottolinea – noi non abbiamo sequestrato nulla, non abbiamo fatto entrare la bandiera: non si tratta di una sottigliezza. Facciamo rispettare la legge e basta». E conclude: «Il malumore di alcuni politici mi trova molto perplesso. Alla tifoseria dico che non c’è alcun pregiudizio nei loro confronti».

(ph: shutterstock)

 

Tags: ,