Rifornivano di droga Veneto e Friuli: arrestati 3 nigeriani

Zaia: «Speriamo rimangano in carcere, non va lasciato alcun spazio ai seminatori di morte»

I carabinieri hanno smantellato un rilevante traffico e spaccio di droga tra Conegliano (Treviso) e Belluno. Sono state tre le persone arrestate, tutte di nazionalità nigeriana e due di loro irregolari, e 130 i consumatori segnalati. Il commercio delle sostanze stupefacenti si stava allargando tanto da oltrepassare i confini veneti ed arrivare anche al Friuli Venezia Giulia.

Il plauso del presidente della regione Veneto, Luca Zaia: «Ancora una volta complimenti agli uomini dell’Arma che con un paziente lavoro di indagine e di appostamenti hanno inferto un colpo letale alla rete dello spaccio tra Conegliano e Belluno, arrestando tre spacciatori, di cui due immigrati irregolari. Mi auguro che ora gli ordini di custodia cautelare emessi dalla Procura di Treviso non siano vanificati da esiti processuali indulgenti perché non va lasciato spazio alcuno a quelli che considero “seminatori di morte”: i nostri giovani, le nostre famiglie, tutte le persone per bene non devono finire preda del più losco e squallido dei traffici, che fonda il proprio impero economico sull’asservimento chimico delle vite umane».