Rosolina: dopo le mareggiate, riaffiora vecchia discarica

La consigliera regionale Bertelle (Veneto 2020): «Riaffiorati vecchi rifiuti, la situazione è drammatica»

“Negli anni sessanta e settanta la spiaggia di Rosolina veniva utilizzata come discarica poi fortunatamente il sito è stato dismesso e di conseguenza ricoperto con del terriccio. Ora le recenti e terribili mareggiate hanno completamente eroso la spiaggia insieme a parte della vecchia copertura di terriccio della discarica facendo riaffiorare i vecchi rifiuti, la situazione è drammatica“.

Così la Consigliera Regionale Patrizia Bartelle (Veneto 2020 – Italia in Comune) la quale, insieme alla sezione polesana di Italia in Comune, precisa: “Ho depositato una interrogazione per chiedere alla Regione di interessarsi alla situazione e intervenire quantomeno assumendo un ruolo di coordinamento tra i vari enti interessati. In tema di ambiente e rifiuti, infatti, la questione delle competenze è complessa ma qui entrano in gioco anche turismo ed economia”

“Se la situazione di allarme non rientrerà al più presto la prossima stagione balneare potrebbe essere seriamente compromessa. La nostra attenzione su questi temi – concludono Bartelle e Italia in Comune Polesine – è sempre altissima come dimostrano le varie azioni intraprese sui temi ambientali tra cui l’interrogazione a risposta immediata n. 786 dello scorso luglio con la quale chiedevamo alla Regione di intervenire a seguito del report di Legambiente che classificava come ‘inquinato’ il sito di Rosolina alla foce del Fiume Adige. Interrogazione ad oggi ancora priva di risposta”.

(Ph Ilo Giannella Facebook)