«Sardine, dalla laguna al mare: la vera sfida per battere Brugnaro»

Martini, presidente della Municipalità di Venezia Murano e Burano, striglia il Pd e lancia un appello per il flash mob del 13

«Francamente mi riesce sempre più difficile capire il mio partito. Quello locale, intendo. Come è possibile che ancora non venga presa una decisione. Era giusto aspettare l’esito del referendum, ma aspettare ancora per scegliere la modalità di scelta del candidato è fortemente autolesionistico.
Se si pensa di fare le primarie lo si dica e le si istruisca al più presto. Se si ritiene di dover scegliere un candidato lo si indichi subito. Ogni giorno che passa è un giorno in meno di vera campagna elettorale, è un giorno in più di vantaggio per l’incontrastato Brugnaro».

E’ questo il pensiero del presidente della Municipalità di Venezia Murano e Burano, Giovanni Andrea Martini, a proposito dei tentennamenti all’interno del Partito Democratico lagunare. «Come si può non capire che più passa il tempo e più si concede vantaggio alla campagna mediatica di Brugnaro? Ho sollecitato i segretari, ma non ho avuto risposta» prosegue.

«È arrivata, invece, la convocazione per l’illustrazione del risultato dei cento tavoli. Ma come, dopo un mese? E, se la comunicazione è importante, ma come è possibile scegliere, per mostrare i risultati di quello che dovrebbe essere un percorso programmatico per la città un Hotel, quindi un luogo difficilmente accessibile al comune cittadino? e poi, quale Hotel? – si chiede Martini, che incalza –  Uno di quegli hotel dell’era Brugnaro che abbiamo tutti criticato, costruiti come una barriera di camere a poco costo per sfornare masse di turisti che intasano bus per arrivare a Venezia. Ma come è possibile?
Continuando così si creano le migliori condizioni per la conferma di Brugnaro».

Martini conclude con un plauso al neonato movimento delle “sardine“, che a Venezia si ritroveranno il 13 dicembre nel piazzale della stazione: «Brugnaro è Lega, è Zaia, è Salvini! Dunque, un po’ di coraggio: acceleriamo e, senza timore, usciamo dalle acque torbide della laguna e nuotiamo nel mare trasparente delle “sardine”!»

 

Tags: ,