Agec, Tosi: «Quasi 400 alloggi sfitti, Niccolai e Sboarina contro la povera gente»

La denuncia dell’ex sindaco, che spiega come questo sia un vulnus che ricade sulle fasce deboli della popolazione veronese

“Ci sono quasi 400 alloggi sfitti di Agec su 4272 a disposizione. Quasi il 10%. Un vero record, ma negativo, rispetto ai decenni passati”.

A denunciarlo Flavio Tosi, che spiega come questo sia un vulnus che ricade sulle fasce deboli della popolazione veronese: “Significa che 400 famiglie povere restano in una situazione di miseria e precarietà. Famiglie che pagano la lentezza e l’inefficienza del presidente di Agec Niccolai e del Sindaco Sboarina che non interviene. Sboarina che ancora una volta non sa dare spessore alla gestione di una partecipata del Comune, come del resto gli accade per Agsm, Amia e Amt. Così si è arrivati a un quadro desolante e lontano dalla mission sociale di Agec”.

Tosi infatti sottolinea: “L’attuale amministrazione comunale con il Presidente di Agec da un lato ha aumentato pesantemente le tariffe delle mense scolastiche riducendo i servizi, dall’altro ha alzato nettamente gli affitti degli appartamenti bloccando nel contempo le manutenzioni. Le ultime le ha progettate e finanziate la mia amministrazione ma anche quelle Niccolai le ha ritardate per quasi due anni. Siamo di fronte all’inefficienza più totale e a farne le spese è la povera gente”.