Senza scrupoli: truffano anziana malata di Alzheimer, due in manette

Uno dei due è stato fermato mentre si trovava a bordo del suo Suv e stava mettendo a segno l’ennesimo raggiro

Non si sono fermati nemmeno davanti ad un’anziana malata di Alzheimer i due finti venditori ambulanti, uno napoletano e l’altro vicentino, finiti in manette. Tutto è cominciato la scorsa primavera in un piccolo centro della Bassa Valsugana: i due hanno suonato al campanello della donna, che vive da sola, e le hanno proposto l’acquisto di lenzuola e federe. Il primo “affare” è andato bene per guadagnare la fiducia della vittima ed indurla così a comprare inutilmente numerosi corredi.

Se l’anziana era senza contenti, la convincevano persino ad andare a prelevare nel vicino sportello bancomat. Inoltre, non contenti, al momento del pagamento i due si facevano consegnare dalla vittima più soldi di quanto pattuito, scambiando le banconote da 50 euro con altre da 10 e quando l’anziana ormai confusa si spostava in un’altra stanza per prendere altro denaro, frugavano nella sua borsetta.

Ad accorgersi di tutti il figlio 50enne che ha visto il conto corrente bancario della madre assottigliarsi vistosamente. Ha così deciso di piazzare delle telecamere nascoste e scoprire il raggiro. I carabinieri sono così riusciti a bloccare uno dei due truffatori che, a bordo di un suv, si stava accingendo a mettere a segno l’ennesima truffa. Ulteriori indagini hanno portato alla cattura anche del complice. I due sono stati arrestati e posti ai domiciliari.

Fonte: Adnkronos

(ph: shutterstock)

Tags: ,