Musikàmera 2020: «Un fiore all’occhiello della cultura veneziana»

Inaugurata alla presenza dell’assessore Mar la stagione concertistica organizzata dall’associazione fondata nel 2016

L’assessore comunale al Turismo, Paola Mar, ha preso parte questa sera nelle sale Apollinee del Teatro la Fenice all’inaugurazione della stagione 2020 di Musikàmera, l’associazione fondata nel 2016 da un gruppo di cultori della Musica da camera, provenienti da esperienze professionali e musicali diverse, con l’intento di coltivare la cameristica e di estenderne la conoscenza e la fruizione in città e fra i giovani, prima di tutto quelli delle Scuole e degli Atenei di Venezia.

La stagione 2020 sarà molto ricca, potendo contare su 34 concerti fino al novembre del prossimo anno articolati in 22 differenti programmi tutti con interpreti di livello. A ciò si aggiungono le 12 lezioni-concerto della rassegna [email protected], rivolta agli studenti del territorio veneziano.

“E’ bello constatare come la musica sia un linguaggio universale in grado di spaziare nei generi e in differenti registri – ha dichiarato l’assessore Mar, ringraziando per l’invito la presidente di Musikàmera Venezia, Sonia Guetta Finzi – analizzando il programma si attraversano epoche e correnti artistiche partendo dal Seicento per poi giungere ai giorni nostri. Ma la musica nei secoli ha sempre mantenuto la sua caratteristica pecualiare di parlare a tutti, senza distinzioni. Il cartellone 2020 di Musikàmera, inserito nel programma di Le Città in Festa – ha concluso – costituisce sicuramente un fiore all’occhiello per il panorama culturale cittadino”.

Per l’occasione stasera è stato eseguito il concerto delle pianiste Maria Grazia Bellocchio e Stefania Redealli che hanno proposto il Rondò in a maggiore op.107 di Franz Schubert e le Danze ungheresi di Johannes Brahms. All’evento era presente anche la consigliere della Municipalità di Chirignago Zelarino Luisa Rampazzo.

Per i dettagli sulla stagione clicca qui 

Tags: ,