«Pfas nell’acquedotto di Pescantina: quali rischi per l’uomo?»

Il senatore Pd D’Arienzo ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Ambiente: «Si tratta della seconda rilevazione in zona di discarica»

«La presenza delle sostanze PFAS in uno dei pozzi che prelevano dalla falda sotterranea l’acqua che viene usata per alimentare l’acquedotto del Comune di Pescantina, conferma che dalle discariche penetrano nelle acque usate per il consumo umano». Queste le parole di Vincenzo D’Arienzo, senatore Pd e componente della Commissione d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti che ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Ambiente. «Sebbene la quantità dei Pfas nella falda acquifera sembra essere inferiore rispetto ai limiti previsti dalla Regione Veneto – continua D’Arienzo -, non dovrebbero esserci dubbi sul fatto che la causa potrebbe essere la penetrazione del percolato della discarica nelle acque sotterranee più superficiali. Porterò l’ennesima evidenza, questa di Pescantina, all’attenzione della Commissione in modo da favorire ogni riflessione e azione legislativa conseguente. Stiamo seguendo il tema con scrupolo, attese le ripercussioni legate al consumo umano di queste sostanze».

«Per la nostra provincia sarebbe la seconda rilevazione in una zona di discarica, dopo quella della discarica di Cà Bianca a Zevio. Condivido le preoccupazioni legittime della popolazione residente che, giustamente, è stata allertata sulla scoperta e chiede informazioni. Ho immediatamente comunicato al ministro dell’Ambiente l’ennesima evidenza di queste sostanze presenti in Veneto e, segnatamente, nella provincia di Verona ed ho chiesto se dalle analisi e dalle informazioni scientifiche conosciute, è ipotizzabile un accumulo delle sostanze in questione nel corpo umano. Penso sia doveroso che siano definiti tutti i dettagli della vicenda, a tutela della salute umana dei residenti del Comune di Pescantina che possono aver fatto uso dell’acqua potabile con i Pfas», conclude il Senatore PD.

(ph: Adert/Wikipedia)

Tags: ,