Vertice giallorosso su autonomia, Zaia: «Esito raccapricciante»

Parole dure da parte del governatore su quanto emerso dalla riunione di maggioranza di ieri sera

«Trovo raccapricciante quanto emerso dalla riunione di maggioranza sull’autonomia svoltasi stanotte. Un tavolo che aveva trovato un punto di faticoso ma sostanziale equilibrio con tutte le Regioni, equilibrio che si sperava si consolidasse in sede governativa, torna ad essere bloccato sul punto della riforma delle riforme di questo Paese, quella destinata davvero a fargli cambiare pelle».

Non usa mezzi termini il governatore Luca Zaia a proposito della riunione di maggioranza che si è tenuta ieri e si è concluso a tarda serata,

«A volte ritornano, insomma… Ritorna Matteo Renzi, ritorna Italia Viva, ritornano gli stessi interlocutori che nel 2014 hanno impugnato la nostra legge sul referendum sull’autonomia inchiodandoci 13 mesi di fronte alla Corte Costituzionale prima che riuscissimo a portare a casa una sentenza favorevole al Veneto. Ritornano quelli che, nonostante l’autorevolissima pronuncia, tentarono on ogni mezzo di impedirci di celebrare la consultazione.
Io spero che il Governo, se esiste, se ha i numeri, batta un colpo – prosegue Zaia che conclude – Altrimenti è bene che vadano tutti a casa. Gli eletti dal popolo, i governatori delle Regioni, al tavolo convocato qualche settimana fa dal Ministro Boccia chiesero di andare avanti con questa riforma. E’ la prova che a Roma, a rappresentare il popolo, non c’è nessuno».