Rovigo, rifiuti speciali abbandonati all’interporto

La denuncia arriva da Ecoambiente, l’ente che si occupa della raccolta e smaltimento: «Perché farlo? Il ritiro è gratuito»

“Un danno ambientale, un danno al decoro e, per ultimo, ma non ultimo, un danno economico. Questo è quanto porta con sé la piaga dell’abbandono dei rifiuti che, purtroppo, sembra difficile da debellare”. A sottolinearlo è Ecoambiente, i cui operatori, anche questa settimana hanno fatto un’amara scoperta. Nell’area dell’Interporto, infatti, qualcuno ha pensato bene di scaricare due interi bancali di guaine in gomma. Rifiuti speciali potenzialmente pericolosi, abbandonati nell’erba a ridosso di un piazzale. Con le operazioni di rimozione e corretto smaltimento che costeranno migliaia e migliaia di euro. Del ritrovamento è stata immediatamente avvertita la polizia locale che ha avviato gli accertamenti del caso.

“E’ necessario un salto di qualità culturale – ribadisce Ecoambiente – bisogna che diventi patrimonio comune la convinzione che l’abbandono dei rifiuti produce conseguenze pesanti per tutti, sia per il nostro territorio che per le nostre tasche, in modo che aumenti anche il controllo sociale su questo fronte. I corretti comportamenti nel conferimento e nello smaltimento dei rifiuti permettono di vivere in luoghi più sani e più belli, ma anche di risparmiare. E se l’abbandono di grandi quantità di rifiuti urbani, di rifiuti speciali o peggio ancora di rifiuti pericolosi, o il loro abbandono in luoghi che hanno un importante valore naturalistico, come lo sono gli argini dei fiumi, è chiaramente percepito come un gesto di grave danno, meno diffusa è la percezione che anche buttare un rifiuto in un cassonetto sbagliato, così come abbandonare rifiuti fuori dai contenitori, provoca gravi danni, ambientali ed economici. Per questo serve l’aiuto di tutti i cittadini. Presto, fra l’altro, entreranno in servizio in diversi comuni, fra i quali anche Rovigo gli ispettori ambientali con il compito di vigilare, prevenire e sanzionare comportamenti scorretti”

C’è poi una domanda che non sembra trovare risposta: perché fare la fatica di abbandonare rifiuti ingombranti o Raee (i rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), come la classica lavatrice, portandoli fino ad un argine, correndo rischi e danneggiando tutti, quando si può chiedere il ritiro gratuito a domicilio con una semplice telefonata al numero verde 800-186622, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 13?

Per tutte le informazioni sul corretto conferimento dei rifiuti e sui servizi di raccolta di Ecoambiente, oltre a telefonare al numero verde, si può facilmente consultare la sezione “raccolta differenziata” sul sito www.ecoambienterovigo.it oppure scaricare la app Ecoambiente sul proprio smartphone.

 

Tags: ,