Caso Gregoretti, Salvini: «Se vado a processo, con me milioni di italiani»

«Anche se gli avvocati mi suggeriscono il contrario, sarei curioso di finire in aula. Comunque, se decideranno, processo sia: idealmente in quel tribunale ci saranno con me milioni di italiani». Lo afferma in un’intervista pubblicata oggi sul Corriere della Sera il segretario della Lega ed ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in merito alla richiesta di
autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso dei migranti sulla nave Gregoretti. Nei giorni scorsi infatti il ministro degli Esteri e leader M5S Luigi Di Maio ha spiegato che si tratta di un caso diverso rispetto a quello della Diciotti.

«Quanto a Di Maio, ha cambiato idea sui miei processi -afferma ancora Salvini – come l’ha cambiata su tante altre cose. Noi stiamo preparando tutta la documentazione. Al termine dei quattro giorni di presunto sequestro ottenemmo che 5 Paesi europei si suddividessero gli immigrati. Una cosa è certa: lo rifarei. E se gli italiani lo vorranno, lo rifarò. Sempre che non ci siano stranezze – conclude il leader leghista -legate alla legge Severino».

(Ph. Imagoeconomica)

Tags: