Pfas, Bottacin: «Sui limiti Veneto più avanti dell’Europa»

«I dati del nuovo Rapporto Acque dimostrano l’impegno assoluto che la Regione del Veneto negli ultimi anni continua a porre per garantire la qualità dell’ambiente e, in questo caso, la qualità delle acque superficiali. Mentre il Ministro Costa esulta perché l’Unione Europea pone limiti a 100 nanogrammi per litro ai PFAS, noi in Veneto consideriamo il limite virtuale zero e grazie ad ARPAV misuriamo la presenza di sostanze inquinanti fino a 0,2 nanogrammi (miliardesimo di grammo) per litro. Impegno ingente, ma che rischia di essere del tutto vano in mancanza di limiti nazionali». Lo afferma in una nota l’assessore regionale all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, commentando i dati emersi dalla dal nuovo “Rapporto delle acque superficiali del Veneto”, presentato stamattina a Padova dal direttore generale di ARPAV Luca Marchesi.

«Questo primo rapporto è importante perché dimostra la precisione e l’efficacia dei nuovi metodi di analisi applicati per rilevare la presenza di sostanze inquinanti, – aggiunge Bottacin – metodo reso possibile grazie agli enormi investimenti voluti dalla Regione che, ricordo, per nuovo laboratorio ha destinato 8 milioni di euro ad ARPAV. Investimenti che permettono di effettuare analisi di una sofisticazione talmente elevata da delimitare un ‘anno zero’ nella misurazione di tali parametri. L’attenzione alla ricerca di nuovi e vecchi inquinanti è una nostra priorità a tutela della salute di cittadini e territorio».

«Il nostro impegno continua con particolare attenzione alla presenza di PFAS e di tutti gli inquinanti – prosegue l’assessore regionale all’ambiente – ma ora servono i limiti nazionali senza i quali rischiamo di vedere vanificati anni di investimenti e di lavoro certosino da parte di ARPAV come di tutti i soggetti tecnici coinvolti. L’Unione Europea – conclude Bottacin – si è espressa e ha posto per la prima volta dei limiti. Ora si esprima il Ministro Costa che, dopo innumerevoli promesse, non ha più scuse in materia».

(Ph Facebook – Gianpaolo Bottacin)