Gesù con cappio al collo e immondizia nel presepe: Natale rovinato dai vandali

Brutto episodio a Mogliano (Treviso), purtroppo il terzo in pochi giorni nella Marca. Il presepe allestito in piazza infatti è stato brutalizzato da ignoti, che hanno messo un cappio al collo al Gesù bambino e riempito il presepe di immondizia. «Un simbolo di amore va rispettato sempre, qui non si tratta di credere o meno si tratta solo di essere degli imbecilli! Vergognatevi» ha commentato l’assessore moglianese allo Sport Enrico Maria Pavan su Facebook. Molti i commenti di sdegno sui social.

Nei giorni scorsi altri due episodi avevano colpito piccole comunità del Trevigiano proprio nel momento della celebrazione del Santo Natale. Gli episodi sono stati condannati in una nota dalla consigliera regionale Silvia Rizzotto (lista Zaia). «Chi ruba un bambin Gesù o incendia un Presepe è un disadattato: bene le telecamere, speriamo siano presto identificati e condannati senza alcuna scusante. Chi si macchia di questi reati vive in un altro mondo, probabilmente non si rende nemmeno conto che bruciare un Presepe e’ un gesto da codardi. Dovremo ringraziare tutti i volontari che ogni anno dedicano il loro tempo ad allestire le natività nelle piazze dei paesi, una attività gratuita che ci ricordi il vero valore del Natale. Ed invece, siamo costretti ad inseguire delle ombre furtive che non trovano nulla di meglio che distruggere i nostri simboli. Il Natale e’ il momento di pace e serenità, di famiglia e degli affetti. Ma con questi balordi, non si può avere comprensione o carità: devono essere identificati e i loro nomi devono essere noti a tutti. Perché possano vergognarsi a lungo di quanto hanno fatto alle nostre comunità».

(Ph. Facebook – Enrico Maria Pavan)

Tags: ,