Auto distrutte davanti a discoteche: campagna choc in Veneto

Il presidente Zaia: «Negli ultimi 3 anni aumentati i morti, un quarto hanno meno di 35 anni. Non sono le strade ad essere pericolose ma è l’uomo che le rende tali»

Ha preso il via a Spresiano, in provincia di Treviso, la nuova campagna choc contro le stragi sulle strade “Okkio alla vita, guida con prudenza”. Davanti alla discoteca Odissea sono state posizionate le carcasse di due auto incidentate.

Il presidente della regione Veneto, Luca Zaia, ha dichiarato: «Negli ultimi 3 anni c’è un incremento dei morti sulle strade. Il 2018 l’abbiamo chiuso con 311 morti e il 25% di questi morti ha meno di 35 anni. C’è la necessità di ripartire con la stagione delle campagne, non solo a livello veneto ma anche a livello nazionale. I giovani rappresentano la parte importante di questa campagna. Sono i più vulnerabili rispetto al tema della sicurezza stradale e purtroppo negli incidenti mortali pesano da un punto di vista percentuale e noi non ci possiamo permettere che ci siano ancora ragazzi che perdono la vita. Noi abbiamo investito molto sulla sicurezza stradale e sulle infrastrutture ma non basta perché il tema dell’educazione stradale è fondamentale. Oltre il 45% degli incidenti stradali avviene per eccesso di velocità, il 7% a causa della mancanza delle cinture di sicurezza, il 15-20% per l’uso del telefonino. A questo punto si capisce che non sono le strade pericolose ma è l’uomo che le rende tali».