Venezia 2020, Brugnaro: «Pronto ad alleanze con tutte le forze politiche»

Il sindaco nel suo discorso di fine anno ha parlato di acqua alta, Mose e Grandi Navi. Poi ha strizzato l’occhio alla Lega: «Se vogliono alleanza alle comunali sono qui»

«Il 2019 è stato un’anno difficile a causa dell’acqua alta eccezionale, ma il male ha fatto vedere al mondo l’unicità di Venezia. Ci siamo trovati tutti uniti e abbiamo sanato la disattenzione che lo Stato ha avuto per 20 anni, c’é stata una risposta corale». Il sindaco Luigi Brugnaro ha aperto così la conferenza stampa di fine anno che si è tenuta questa mattina nella sede del Comune di Venezia, in Via Palazzo a Mestre.

Il primo cittadino ha toccato diversi argomenti. Dal Mose sul quale «vigilerò perché sindaco e città non possono essere tenuti all’oscuro su ciò che si fa o meno. Terrò incontri periodici con tecnici e Prefetto a favore della trasparenza e perché tutti sappiano il percorso e l’evoluzione dei lavori. Sono sicuro che verrà completato e funzionerà». Alle Grandi Navi «da estromettere da San Marco e dalla Giudecca. Il compito lo abbiamo fatto, ora tutto è in mano al governo che è competente in materia. La soluzione migliore resta quella ratificata ancora dal Comitatone del 2017, con il passaggio delle crociere attraverso la bocca di porto degli Alberoni, anziché per San Nicolò del Lido, e il percorso lungo il canale dei Petroli, con l’attracco delle navi più grandi a Marghera, e quelle di minore stazza nell’attuale stazione Marittima, cui accederebbero attraverso il ripristino del canale Vittorio Emanuele».

Infine qualche parola anche sulle prossime elezioni per le quali ha già annunciato la sua ricandidatura. «Se la Lega vuole l’alleanza alle comunali per Venezia sono pronto. Sono aperto ad accordi con tutte le forze politiche. Non rappresento un partito ma sono per la città e per i cittadini».