Gabriel e gli altri: tutti i primi nati del Veneto

All’ospedale di Negrar, nel Veronese, il primo nato in Italia. Nelle sette province, solo a Belluno il fiocco rosa è anche tricolore

E’ nato all’ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, Verona, il primo bimbo del 2020. Gabriel è nato proprio allo scoccare della mezzanotte e condivide il primato con un bimbo napoletano. Contentissima mamma Anca, romena di 36 anni, arrivata a Bardolino appena un mese fa.

Appena un quarto d’ora dopo, a Cittadella, Padova, nasceva la piccola Leonora, dopo aver fatto passare un veglione di travaglio a mamma Fatbardha. Nel Veneziano, invece, il primo arrivato è Davide, nato a mezzanotte e 53 all’ospedale di Marghera. La sua famiglia è originaria della Costa d’Avorio. Medaglia di bronzo per la vicentina Bianca Mia, figlia di una coppia di origini moldave, nata un’ora dopo. A Treviso, se l’è presa con più calma Farmata, i genitori sono di origine senegalese ed è venuta alla luce con un parto in acqua alle 3 e 17. Si chiama Medina, invece, la prima nata in Polesine, alle 4 e 41, figlia di una coppia di giovanissimi arrivati dal Kosovo lei e dalla Serbia lui e residenti a Cavarzere.

Era già giorno quando, a Belluno, è nata Aurora, figlia di Riccardo De March e Cindy Saviane: la piccola è venuta al mondo alle 8 meno 7 minuti.

 

 

 

 

 

Tags: