Usa uccidono generale iraniano, spettri di guerra sul 2020

Il 2020 si apre con un episodio che rischia di avere gravi ripercussioni sulla politica estera e i rapporti tra nazioni. In un raid degli Stati Uniti sull’Iraq infatti ha perso la vita il generale Qassem Soleimani, capo di al-Quds. L’attacco, stando a quanto riporta il Pentagono, è stato ordinato dal presidente americano Donald Trump, come «azione difensiva».

Secondo il Pentagono Soleimani stava ideando piani per colpire i diplomatici americani in Iran e avrebbe avallato recenti attacchi contro l’ambasciata americana a Baghdad. Soleimani inoltre sarebbe stato autore di diversi attacchi che hanno provocato la morte di centinaia di militari della coalizione e di un cittadino statunitense. L’ayatollah ALi Khamenei ha annunciato tre gioni di lutto e una «dura ritorsione». Il ministro degli Esteri Javad Zarif ha definito su Twitter l’attacco USA come un «atto terroristico».

(Fonte: Adnkronos)

(Ph. Ali Khamenei – Wikipedia)