Vicenza, visita 10 musei con 20 euro (15 per i residenti)

Iniziativa per promuovere il turismo culturale in città. Ecco i musei coinvolti

Vieni a Vicenza e visita 10 musei con 20 euro“. E’ con questo slogan che l’assessorato alla cultura desidera promuovere l’accesso ai Musei civici della città e alle altre sedi museali inserite nel circuito cittadino. Il 10 gennaio entrerà in vigore il nuovo sistema di bigliettazione, aggiornato e studiato insieme ai gestori degli altri musei e al Consorzio Vicenza è, che gestisce le biglietterie della città, in modo da renderlo adeguato alle richieste turistiche. E’ stato presentato oggi all’Odeo del Teatro Olimpico dall’assessore alla cultura Simona Siotto e dal direttore del servizio attività culturali e museali Mauro Passarin.

«La riorganizzazione tariffaria si è resa indispensabile per eliminare i provvedimenti frammentari che si sono accumulati negli anni – ha spiegato l’assessore alla cultura Simona Siotto -. La ridefinizione organica di tutte le proposte di biglietti risponde alle esigenze turistiche monitorate dal Consorzio Vicenza è e dei gestori degli altri musei partner del circuito museale. E’ stato un lavoro importante che ci ha permesso già di avere dei risultati. E’ stata particolarmente gradita, infatti, la Vicenza card con l’inserimento anche della Basilica palladiana e del Museo del gioiello oltre che del biglietto speciale 4 musei che permette di scegliere 4 siti tra i 10 della Vicenza card, al prezzo di 15 euro. Abbiamo inoltre pensato ad un biglietto per i visitatori della mostra Ritratto di donna che desiderano approfondire la conoscenza della città integrando il biglietto con la Vicenza card per un spesa di 28 euro». 

Con la Vicenza Card, al costo di 20 euro, si potranno visitare dieci musei, le 8 sedi che come da tradizione sono sempre state inserite nel “Biglietto unico” (Teatro Olimpico, Museo Civico di Palazzo Chiericati, Chiesa di Santa Corona, Museo Naturalistico Archeologico, Museo Risorgimento e Resistenza, Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Palladio Museum, Museo Diocesano) a cui sono stati aggiunti il monumento simbolo della città, la Basilica palladiana, e il Museo del gioiello, che ha sede nel loggiato inferiore della Basilica stessa.

Un’offerta più ricca e più attrattiva e spendibile in 8 giorni. I residenti in città e provincia potranno usufruire della stessa opportunità spendendo un po’ meno, 15 euro (e come loro una serie di altre categorie di visitatori).

Alla Vicenza card, introdotto già l’1 ottobre, si aggiungono altre novità. La Basilica palladiana vede un aggiornamento complessivo della tariffazione. Il biglietto intero da 4 passa a 5 euro e vale non solo per un ingresso, come in precedenza, ma per 8 giorni. Il ridotto per residenti di città e provincia rimane a 2 euro. L’abbonamento passa da 6 a 10 euro e vale 6 mesi. Costerà 1 euro entrare nel monumento in caso di eventi ad ingresso gratuito. Inoltre, il biglietto per residenti di città e provincia che desiderano vedere 6 sedi costerà 9 euro (e non più 7) e sarà valido 30 giorni. L’aumento è dovuto all’inserimento della Basilica palladiana, uno dei monumenti più visitati della città insieme al Teatro Olimpico. Vengono definiti, poi, anche i voucher regalo che hanno riscosso tanto successo durante le festività natalizie: Vicenza card intero a 20 euro, Vicenza card family a 24 euro, Vicenza card residenti a 15 euro. Infine il Voucher biglietto residenti a 9 euro. Biglietti speciali e ridotti sono previsti in occasione di mostre, giornate ecologiche, eventi culturali, musicali, manifestazioni. Tra i biglietti speciali ha riscosso interesse quello che consente di visitare 4 musei tra i 10 della Vicenza card, a 15 euro.

(ph: shutterstock)

Tags: ,