Sanità: Speranza, ‘sistema programmazione vecchio crea illusione risparmio’

Roma, 10 gen. (Adnkronos Salute) – “Dobbiamo ripensare il sistema di programmazione della spesa sanitaria che ci portiamo avanti dai primi anni 2000, quando il Servizio sanitario italiano rischiava il default e fu disegnato un sistema a silos, con la spesa divisa fra farmaci, device, personale e tetti di spesa per alcuni tratti squalificanti. A distanza di 15 anni questo sistema non regge più”. A parlarne il ministro della Salute, Roberto Speranza, oggi a Roma alla presentazione del volume ‘Il Ssn guarda al futuro – Verso nuovi e più evoluti schemi di governance’ (edizione Egea), scritto dal Dg programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani.
“Dobbiamo ripensare questo modello – ha spiegato – che ha provocato un’illusione di risparmio, che invece non è avvenuto. Si abbassa la spesa per il personale? Ma poi si alza inevitabilmente quella per beni e servizi. Se non si spende in prevenzione, anche in questo caso si ha una illusione di risparmio, perché si va poi a influire ad esempio sulle pensioni di invalidità. La grande sfida che abbiamo davanti è dunque focalizzarci sulla revisione complessiva della spesa. Nel 2020 dobbiamo andare avanti con il dialogo”.

Tags: , ,