Falsi annunci di lavoro online, i consigli della Polizia Postale

Sempre più frequenti annunci dove vengono promessi ottimi guadagni mensili in cambio di attività lavorative svolte da casa che in realtà nascondono truffe e trattamento illecito dei dati personali

Si riscontra l’intensificarsi del fenomeno di falsi annunci di lavoro online nei quali vengono promessi ottimi guadagni mensili in cambio di attività lavorative svolte “da casa”, ma che in realtà possono nascondere azioni criminose tese alla realizzazione di truffe, riciclaggio di denaro e trattamento illecito di dati personali. Sono giunte segnalazioni riguardanti annunci di lavoro come “corriere\magazziniere”, in cui, al cittadino che aderisce alla “proposta di lavoro”, viene richiesto l’invio tramite email dei documenti di identificazione e delle coordinate bancarie, con il concreto rischio di ritrovarsi coinvolto, a sua insaputa, in acquisti di beni o in truffe e-commerce o in riciclaggio di denaro provento di attività illecite.

I consigli della Polizia Postale e delle Comunicazioni

· Attenta lettura del testo dell’annuncio: la proposta lavorativa deve essere chiara relativamente alle mansioni lavorative, all’identificazione della società o dell’azienda che ricerca i lavoratori e alla tipologia di contratto;

· Cercare sul web ogni utile notizia: a volte è sufficiente inserire come chiave di ricerca, l’utenza telefonica e l’indirizzo email indicati nell’annuncio per ottenere indicazioni sulla veridicità e genuinità dell’offerta;

· Non inviare , comunque, copie di documenti di identificazione e dati bancari mediante email, se non si è certi dell’identità del destinatario.

(ph: shutterstock)

Tags: