«Tagli a Comuni: se governo è il killer di Verona, Sboarina è il carnefice»

L’ex sindaco Tosi: «Non ha detto nulla quando il precedente governo Lega-M5S ha bloccato 18 milioni di euro del bando periferie destinato a Veronetta. Con che credibilità protesta ora?»

«Sboarina definisce l’attuale governo killer di Verona per i 2 milioni di euro di tagli? Se il governo è killer, Sboarina però è il carnefice dei veronesi, dato che prenderà ai cittadini altri 15 milioni di euro in multe». A dirlo l’ex sindaco Flavio Tosi, che aggiunge: «Questo è lo stesso governo che, come ha ricordato il Capo della Polizia Gabrielli, doterà di 70 poliziotti in più la Questura di Verona. Non si può, come fa Sboarina, definirlo killer solo quando conviene e tacere invece delle cose buone. Sia chiaro, Sboarina nello specifico avrebbe anche ragione nel lamentare i due milioni di euro in meno, peccato solo che il sindaco ha taciuto quando il precedente governo, quello Lega-5 Stelle, ha bloccato i 18 milioni del bando periferie destinati a Veronetta. 18 milioni, non 2 milioni. Con quale credibilità ora Sboarina può protestare?».

Tosi conclude: «C’è poi una contraddizione in termini: Sboarina definisce killer un governo che toglie 2 milioni di euro alla città, quando lui in un anno toglierà ai veronesi 15 milioni di euro in multe, a causa del velox installato nel rettilineo della tangenziale nord, dopo aver abbassato apposta il limite a 70 km/h, in un tratto non pericoloso. La polizia municipale dice che in tre mesi le sanzioni sono state 47 mila, significa 180 mila in un anno, da 80 euro l’una minimo, cioè 15 milioni di euro appunto. Se il governo è killer, Sboarina cos’è? Il carnefice sanguisuga di Verona».

(ph: imagoeconomica)