«Pedemontana, controllo poco prima del crollo mortale»

Il Covepa, comitato contro il maxi cantiere, denuncerà alla magistratura i due professionisti incaricati dal commissario

“Sulla scorta di una documentazione agli atti della Regione Veneto e che per altro dovrebbero essere già in possesso degli organi inquirenti, il nostro Coordinamento è in grado di affermare che fino a un’ora prima del crollo che uccise Sebastiano La Ganga nel tunnel della Pedemontana Veneta tra Malo e Castelgomberto nell’aprile del 2016, proprio all’interno della galleria in costruzione ci fu una ispezione di due professionisti incaricati dall’allora commissario. Si tratta di un ingegnere consulente esterno e di un geometra dipendente della Regione Veneto e applicato alla struttura commissariale del Governo”.

Così il Covepa, in un comunicato a firma Massimo Follesa, che si rivolgerà alla magistratura per fare chiarezza sui fatti.  “Visto l’esito di quanto accadde quel maledetto 19 aprile come ben specificato nelle prime pagine della relazione del professor Genevois, siamo curiosi di sapere che cosa abbiano controllato i due ispettori incaricati dal commissario”.