Mestre, donna si dà fuoco davanti al tribunale

Aveva con sè una foto ed un cartello che farebbero riferimento all’affidamento della figlia e al marito

Questa mattina davanti al tribunale dei minorenni di Mestre una giovane donna si è cosparsa di liquido infiammabile e si è data fuoco. Subito soccorsa e trasportata all’ospedale dell’Angelo, le sue condizioni sarebbero gravi. Il drammatico gesto sarebbe da ricondurre ad un procedimento giudiziario che la vede coinvolta. Sulla vicenda indaga la polizia.

La donna di origini marocchine aveva con sè anche una foto e un cartello che farebbe riferimento all’affidamento della figlia e al marito. Scritto in un italiano stentato si legge: «Violentata l’infanzia di mia figlia. Il padre ha fatto il massimo per allontanare la piccola e mandarla in comunità: che vergogna».

La vittima è stata trasferita al Centro grandi ustioni dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Le sue condizioni rimangono gravi.

Fonte: Adnkronos