«Monte Grappa cane di molti padroni che muore di fame»

Donazzan commenta l’approvazione all’unanimità della mozione del collega Finco sulla candidatura del sito a Riserva della Biosfera

“Il Consiglio Regionale ha approvato oggi all’unanimità la mia Mozione che impegna la Regione del Veneto a sostenere la Candidatura del Monte Grappa a Riserva della Biosfera MaB Unesco, un progetto che assicurerebbe uno sviluppo eco-sostenibile al territorio”. Così il capogruppo della Lega, Nicola Finco, commenta “l’approvazione all’unanimità della mia Mozione.  Il Monte Grappa avrà così, da oggi, una marcia in più per impersonare il grande valore simbolico, storico e identitario che riveste per tutti i veneti – spiega  Finco – La Mozione impegna la Giunta regionale del Veneto a supportare la candidatura e a delegare un proprio rappresentante del Comitato di Gestione, l’organismo che si occuperà della governance della futura riserva di Biosfera del Monte Grappa”

“Il nostro Monte Sacro alla Patria è un po’ come un cane di molti padroni che sta morendo di fame. Credo la prossima legislatura del Consiglio regionale debba seriamente occuparsi di Lui, e non solo ipotizzando un riconoscimento della sua unicità ambientale”. Così l’Assessore Regionale del Veneto Elena Donazzan (Più Italia – Amo il Veneto) nella sua dichiarazione di voto favorevole in Consiglio regionale alla mozione presentata dal collega Nicola Finco per il riconoscimento di sito di patrimonio ambientale del Monte Grappa approvata da molti comuni che afferiscono al comprensorio “Credo si debba lavorare ad un progetto di legge per destinare risorse stabilmente per il Grappa, immaginando un sistema di governo territoriale che superi le frammentazioni attuali: un territorio dunque vasto ma unitario, con una gestione che risalti i molteplici significati storici, sociali e ambientali e che preveda una congrua capacità di spesa per investimenti che parlino di turismo sostenibile, di infrastrutture e di gestione dei servizi” ha concluso l’Assessore regionale.