«Test del Dna gratis a tutte le donne incinta»

La richiesta arriva da Zottis e Sinigalia, consiglieri regionali del Pd: «Consente di valutare i rischi di gravi sindromi»

“La Regione Veneto segua l’esempio dell’Emilia Romagna e garantisca la gratuità del test prenatale Nipt (Non Invasive Prenatal Test) a tutte le gestanti residenti in Veneto”. La richiesta è contenuta in una Mozione del Partito Democratico, “sottoscritta dall’intero gruppo, che ha come primi firmatari i consiglieri Francesca Zottis e Claudio Sinigaglia“.

“È uno screening innovativo basato sulla valutazione del Dna fetale presente nel sangue materno che consente, con un singolo prelievo, di valutare i rischi di trisomie 21 (sindrome di Down), 18 (sindrome di Edwards) e 13 (sindrome di Patau) con un alto grado di attendibilità, fino al 100%, già alla decima settimana di gestazione – spiegano i primi firmatari della Mozione – L’introduzione di questo test in tutte le strutture sanitarie pubbliche è presente nelle linee guida 2015 del Ministero della Salute, ma è un’indicazione rimasta disattesa. Il Nipt, infatti, che ha un costo elevato, dai 500 ai 700 euro, non viene rimborsato dal Sistema sanitario pubblico”.

“Assicurare alle donne in gravidanza la gratuità del test rappresenterebbe un passo avanti importante sul fronte della prevenzione – affermano gli esponenti Dem – secondo gli studi più recenti, comporterebbe una significativa diminuzione delle trisomie non diagnosticate, oltre a ridurre in modo sensibile, si parla di dimezzare, il ricorso a esami invasivi, come amniocentesi e villocentesi, che comportano anche rischi per il feto”. “Si tratta di una battaglia trasversale, che non ha colore politico – concludono Sinigaglia e Zottis – pertanto auspichiamo di trovare la massima condivisione in Consiglio Regionale”.

(Ph Shutterstock)

Tags: