Almirante-Segre, Lerner: «A Verona non sono smemorati, ma fascisti»

Il giornalista interviene sul dibattito scatenato dalla doppia iniziativa di Sboarina: via intitolata al defunto leader del Msi e cittadinanza onoraria alla senatrice

«La destra italiana sostiene che intitolare una strada al segretario de La Difesa della Razza, Giorgio Almirante, sarebbe un atto di “pacificazione”. Con chi dovrebbe fare pace Liliana Segre? Con chi l’ha fatta deportare a Auschwitz? Questi non sono smemorati, sono fascisti contemporanei».

Così il giornalista Gad Lerner sulla sua pagina Facebook a proposito del dibattito scatenato dalla doppia iniziativa del Comune di Verona, cioè di intitolare una via al defunto Giorgio Almirante, storico segretario del Msi ancora molto amato negli ambienti della destra, e contemporaneamente dare la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di concentramento. L’aut-aut espresso pubblicamente da Segre ha provocato la levata di scudi a difesa di Almirante sia nella giunta Sboarina sia tra esponenti e simpatizzanti di destra (e non solo) di tutta Italia.

(Ph Imagoeconomica)

Tags: ,