Ospedale Bussolengo, inaugurata la “Nuova medicina dello sport”

Un servizio di attività motoria che comprende la funzione di medicina sportiva, implementa le palestre della salute ed è abilitato anche alla certificazione degli atleti con disabilità

Presso l’ospedale Orlandi di Bussolengo, nei nuovi spazi ubicati al 2° piano dell’ala est, inaugura il servizio di Attività Motoria, struttura del Dipartimento di Prevenzione ULSS 9 Scaligera. Diretto dal Dr. Giampaolo Federico Fraccaroli, specialista in Cardiologia e Medicina dello Sport, con valenza di Unità Operativa Semplice Dipartimentale, il servizio comprende la funzione di Medicina Sportiva e coordina gli altri centri operativi di Legnago e San Bonifacio. Oltre al Dr. Fraccaroli, l’equipe si compone dei medici, specialisti in Medicina dello Sport, Francesco Pigozzo, Roberto Zanon e Chiara Posenato, coadiuvati da personale infermieristico e amministrativo. «Dotata di nuove tecnologie – commenta il direttore Fraccaroli –, la nuova struttura è destinata a essere punto di riferimento dell’ovest veronese oltre a proporsi come centro di coordinamento per gli altri Servizi di Medicina dello Sport della ULSS 9 Scaligera».

In collaborazione con il SISP del Dipartimento di Prevenzione, la struttura assume inoltre il ruolo di implementazione delle Palestre della Salute, strutture certificate per sostenere, dopo valutazione clinica, specifici programmi di attività motoria strutturata. Supportate da personale con Laurea in Scienze Motorie, in collaborazione con i medici del Servizio, le Palestre della Salute valutano, seguono e certificano il miglioramento del paziente affetto da patologie croniche invalidanti, quali diabete, ipertensione, neuropatie degenerative, ecc. I pazienti sono seguiti singolarmente o in piccoli gruppi omogenei. Sono in corso di certificazione alcune strutture collocate sul territorio provinciale in modo da consentire agli utenti una facile accessibilità. Il servizio di Attività Motoria assume anche la gestione e l’archiviazione dei certificati di idoneità sportiva agonistica rilasciati dagli ambulatori privati accreditati di Medicina dello Sport della Provincia e, in collaborazione con il Servizio di Epidemiologia, Prevenzione Malattie Croniche Non Trasmissibili, screening e Promozione della salute, effettua altresì la valutazione di secondo livello (il cardiologico) per la popolazione esposta a contaminazione con sostanze perfluoroalchiliche (PFAS).

Il nuovo Centro di Medicina dello sport con sede all’Ospedale Orlandi di Bussolengo è abilitato anche alla certificazione degli atleti affetti da disabilità. Sempre nel contesto dell’attività del Servizio vengono promossi, con specifici incontri programmati, progetti atti a prevenire l’uso del doping in ambito sportivo. La certificazione medico sportiva, quando richiesta dalla società sportiva di affiliazione dell’atleta e quando ricompresa nei LEA (livelli essenziali di assistenza) è rilasciata a titolo del tutto gratuito. Per le prenotazioni i riferimenti telefonici sono rintracciabili sul sito aziendale alla voce Dipartimento di Prevenzione – Attività Motoria (CUP).

«La Direzione aziendale – afferma Pietro Girardi, Direttore Generale dell’ULSS 9 – è da tempo impegnata in un percorso di valorizzazione della struttura ospedaliera di Bussolengo con particolare riferimento alla valorizzazione delle politiche di prevenzione, strategiche, insieme al corretto stile di vita, per determinare il buono stato di salute della popolazione. Nel processo di qualificazione dell’Orlandi come polo di riferimento a prevalente indirizzo di prevenzione e riabilitativo, si inserisce dunque a pieno titolo l’attivazione del Servizio di Attività Motoria a valenza dipartimentale».

Tags: