Sabato con pioggia e neve. Domenica migliora ma attenzione alla nebbia

Temperature in aumento

Una modesta saccatura in transito da ovest porta sulla nostra regione un aumento della nuvolosità e a tratti anche della probabilità di qualche debole precipitazione. Vediamo le previsioni per domani di Arpav.

Sabato 25. Cielo molto nuvoloso o coperto, salvo schiarite un po’ più presenti a tratti sulle Dolomiti; foschie anche dense in pianura e nelle valli. Precipitazioni. A tratti specie a sud-ovest potranno verificarsi modesti fenomeni sparsi, eventualmente nevosi oltre 1000-1300 m salvo locali episodi più in basso nelle valli dolomitiche, con probabilità bassa (5-25%) sulle Dolomiti e medio-bassa (25-50%) altrove. Temperature. Le minime in alta quota non varieranno molto, altrove in genere aumenteranno; le massime diminuiranno. Venti. In quota deboli, prevalentemente dai quadranti sud-occidentali; altrove, deboli con direzione variabile.

Domenica 26. Cielo in prevalenza molto nuvoloso, con copertura più presente nella prima parte della giornata e in pianura, maggiori schiarite in seguito; varie foschie in pianura e nelle valli, specie nelle ore più fredde e in particolare alla sera, quando saranno più probabili anche delle nebbie. Precipitazioni. All’inizio potranno verificarsi modesti fenomeni sparsi, eventualmente nevosi oltre 1000-1300 m salvo locali episodi più in basso nelle valli dolomitiche, con probabilità bassa (5-25%) sulle Dolomiti e medio-bassa (25-50%) altrove; in seguito, precipitazioni assenti. Temperature. Le minime subiranno contenute variazioni di carattere locale, tra cui prevarranno contenute diminuzioni sulle zone montane; le massime saranno in moderato aumento soprattutto in pianura. Venti. In quota perlopiù deboli dai quadranti occidentali; altrove deboli con direzione variabile, salvo qualche fase di leggero rinforzo dai quadranti occidentali in pianura.

Lunedì 27. Cielo in prevalenza parzialmente nuvoloso, ma con maggiori spazi di sereno all’inizio e maggior copertura alla fine della giornata, quando sarà più probabile qualche leggera precipitazione, eventualmente nevosa da 1000-1300 m salvo locali episodi più in basso nelle valli dolomitiche; foschie ed alcune nebbie sulle zone pianeggianti nelle ore più fredde; temperature minime in calo; le temperature massime saranno in aumento moderato sulla pianura centro-meridionale e lieve sulle Prealpi, perlopiù stazionarie o in leggero calo altrove.

Martedì 28. Contenuta variabilità con addensamenti nuvolosi almeno all’inizio abbastanza estesi e compatti, ma anche alcune schiarite, queste ultime più probabili dal pomeriggio; parziali riduzioni della visibilità in pianura e nelle valli soprattutto durante le ore più fredde; a tratti potrà verificarsi qualche modesta precipitazione, su pianura e Prealpi fino al mattino, sulle Dolomiti anche in seguito; limite delle eventuali lievi nevicate dapprima ad 800-1100 m salvo locali episodi più in basso nelle valli dolomitiche, poi in rialzo a 1100-1400 m; sulla pianura temperature in contenuto aumento, specie riguardo alle minime; sulle zone montane le temperature minime subiranno contenute variazioni di carattere locale, le massime diminuiranno un po’.

(ph: shutterstock)