Vittoria Bonaccini, Pd: «Veneto impari dall’Emilia»

Il gruppo regionale dem: «Serve un centrosinistra unito che lavori compatto per smascherare la propaganda populista della Lega e per battere Zaia»

«La vittoria di Bonaccini in Emilia Romagna ci riempie di soddisfazione, adesso questo entusiasmo deve trasformarsi in benzina: serve un centrosinistra unito, che lavori compatto per battere Zaia». È quanto afferma il gruppo regionale del Partito Democratico commentando i risultati elettorali dell’Emilia Romagna, con il successo del governatore dem. «Può davvero aprirsi una nuova fase per il centrosinistra, ma non dobbiamo perdere tempo. Occorre rompere gli indugi e partire con una campagna serrata, casa per casa, smascherando la propaganda populista della Lega che parla di tutto tranne che dei problemi reali del territorio: ambiente, sanità, calo demografico, trasporto pubblico».

«Visti i risultati dell’iperattivismo di Salvini in Emilia Romagna, gli chiediamo di venire anche qua a suonare i campanelli: potremmo accompagnarlo da qualche famiglia che aspetta da vent’anni un alloggio popolare, da chi attende anche un anno per una visita specialistica o da chi è costretto a spendere fino a tremila euro al mese per inserire un proprio caro in una casa di riposo».

(ph: Facebook Stefano Bonaccini)