Emilia, effetto sardine: Bonaccini ringrazia

I dati sue elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria sono ormai quasi definitivi e i verdetti sono chiari: Stefano Bonaccini è stato riconfermato presidente della regione “rossa”, mentre in Calabria ha vinto il centrodestra. Bonaccini ha ottenuto il 51,4% dei consensi mentre Lucia Borgonzoni candidata della Lega il 43,6%. Il Pd è al 34% e la Lega, che rimane comunque il primo partito del centrodestra al 31%.

In Calabria la candidata del centrodestra Jole Santelli conquista il 55% mentre quello del centrosinistra si ferma al 30%, ma il Partito Democratico può consolarsi con la consapevolezza di essere il primo partito con il 15,8%.

In Emilia Romagna l’affluenza è stata molto alta, 67,7%, e Bonaccini ha dato merito per questo al movimento delle “sardine”. «Spero sia di insegnamento alla Lega, che ha cercato di trasformarla in una battaglia Salvini contro Bonaccini che aveva anche poco senso – ha commentato il nuvo governatore -. Sarebbe stata Bonaccini contro Borgonzoni, ma hanno voluto trasformarla in Salvini contro Bonaccini e ha vinto Bonaccini”.

«La Lega – aggiunge Bonaccini – mi pare abbia interpretato un cambiamento per pensare ad altro, più che all’Emilia-Romagna. Le sardine sono arrivate da poche settimane e sono state un fatto nettamente positivo, perché hanno dimostrato che non solo Salvini riempiva le piazze – spiega Bonaccini -. Hanno dimostrato di riempire le piazze e che c’era tanta più gente di quella che pensavamo che aveva voglia di partecipare. Il centrosinistra non li chiamava più, quindi era difficile ritrovarli da qualche parte».

(Fonte: Adnkronos)

(Ph. Facebook – Stefano Bonaccini)

 

Tags: