Un veneziano alla guida della Biennale: Cicutto nuovo presidente

Prende il posto di Baratta e vanta quella che si può definire una vita per il cinema

Roberto Cicutto prenderà il posto di Paolo Baratta e sarà in nuovo presidente della Biennale di Venezia. Cicutto, veneziano classe 1948, proviene dalla guida dell’Istituto Luce-Cinecittà vantando quella che si può definire una vita per il cinema. Ha lasciato Venezia dopo aver conseguito la maturità classica al liceo Marco Polo e si trasferisce successivamente a Roma dove intraprende la carriera cinematografica. Fonda nel 1978 la società di produzione Aura Film, con cui vince, dieci anni dopo, nel 1988, il Leone d’oro a Venezia per “La leggenda del santo bevitore” con la regia di Ermanno Olmi.

Nel 1984 Cicutto costituisce la società Mikado Film, con cui ha distribuito e prodotto pellicole dei più rappresentativi registi italiani e stranieri. Nel 1993 con Angelo Barbagallo, Nanni Moretti e Luigi Musini fonda la Sacher Distribuzione; è stato inoltre partner di Ermanno Olmi nella società di produzione Cinemaundici. Nel 1994, in occasione del centenario della nascita del cinema, viene insignito dal Presidente della Repubblica Commendatore con altre personalità del cinema.

Nel 2009 è Direttore del Mercato Internazionale del Film. Per alcuni anni è membro del Consiglio di Ace (Atelier du Cinéma Européen), Efa (Euyropean Film Academy) e del Centro Sperimentale di Cinematografia. Dal 2009 ricopre la carica di Presidente e Amministratore Delegato di Istituto Luce-Cinecittà srl.

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)