Birra mortale all’antigelo, aumentano le vittime

Almeno 22 i casi di sospetto avvelenamento

Sarebbero almeno 4 i morti per la birra contaminata da glicole dietilenico (antigelo) e 22 i casi di sospetto avvelenamento in Brasile. Lo riporta il Food Safety News che spiega come la sostanza sia stata identificata il 32 lotti di 10 diverse birre a marchio Backer: Belorizontina, Capixaba, Capitão Senra, Pele Vermelha, Fargo 46, Backer Pilsen, Brown, Backer D2, Corleone e Backer Trigo. In alcuni lotti di Blorizontina è stata accertata anche la presenza di glicole etilenico.

I test sono stati eseguiti dal ministero dell’Agricoltura ed avrebbero confermato la contaminazione dell’acqua usata per produrre la birra che si sarebbe verificata tra metà novembre e inizio di dicembre. In via del tutto precauzionale, l’Agenzia brasiliana di vigilanza sanitaria ha disposto lo stop alla vendita in tutto il paese di tutte le birre Backer con scadenza da agosto 2020 in poi e la chiusura dello stabilimento di produzione, fino a quando l’azienda non sarà in grado di garantire l’assenza di contaminanti. Nel frattempo le autorità sanitarie raccomandano ai cittadini di non consumare il prodotto incriminato.

(ph: shutterstock)

Tags: