Coronavirus: dopo la “profezia”, Gates dona 10 milioni di euro

Il magnate di Microsoft ha destinato l’ingente somma ai soccorritori in Cina e in Africa. Due anni fa, Gates aveva ipotizzato una pandemia da 30 milioni di morti

La fondazione di Bill Gates mette mano al portafogli per contrastare il coronavirus. “La Bill & Melinda Gates Foundation – si legge in una nota della Fondazione pubblicata sul sito – ha annunciato lo stanziamento 10 milioni di dollari in fondi di emergenza e relativo supporto tecnico per aiutare i soccorritori in prima linea in Cina e Africa ad accelerare i loro sforzi per contenere la diffusione globale”

Cinque milioni sono destinati alla Cina e cinque all’Africa. In particolare, la Bill & Melinda Gates Foundation in Cina “sta già collaborando con una serie di partner del settore pubblico e privato per accelerare la cooperazione nazionale e internazionale in aree di necessità critica, compresi gli sforzi per identificare e confermare i casi, isolare e curare in sicurezza i pazienti e accelerare lo sviluppo di trattamenti e vaccini”.

Tra i partner figurano la Commissione cinese nazionale per la Salute, il Centro per il controllo e la prevenzione per le malattie, la National natural science foundation e vari istituti di ricerca. Per quanto riguarda l’Africa, la Fondazione impegna i fondi “per aiutare i Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie nel potenziare le misure di sanità pubblica sul 2019-nCoV tra gli Stati membri dell’Unione Africana”. Queste misure includeranno il supporto tecnico per attuare lo screening e il trattamento dei casi sospetti, la conferma di laboratorio delle diagnosi 2019-nCoV e l’isolamento e la cura sicuri dei casi identificati. “La somma sarà spesa tra l’altro “per aiutare i soccorritori in prima linea in Cina e in Africa a contenere la diffusione del nuovo virus”, e’ scritto in un comunicato della fondazione.

Come si ricorderà, Gates due anni fa aveva ipotizzato un evento simile, pronosticando 30 milioni di vittime.

(Ph Imagoeconomica)

Tags: